500 partite e 8 Scudetto


Giorgio Chiellini in azione. Getty Images

Giorgio Chiellini in azione. Getty Images

Da piccolo, quando pesticciava gi i campetti di periferia della sua Livorno, non poteva immaginare tutto questo. Giorgio Chiellini ha iniziato a praticare calcio molto presto, ma non eccelleva per doti tecniche e soprattutto sognava di diventare un giocatore di basket, sport di cui tuttora appassionato. “Non ero n bello n bravo — ha raccontato tempo fa —. Per c’ero sempre. stato un percorso graduale, ho cercato di alzare il mio livello piano piano. Se vuoi fare salti troppo alti e poi cadi ti fai male. Invece il miglioramento continuo un atteggiamento che uno deve avere anche a 40 anni”. Giorgio ora ne ha 34 e ha fatto tanta strada. Dall’amico Gigi Buffon, che ha traslocato al Psg, ha ereditato la fascia di capitano, che Chiello vive come un nuovo inizio e non come un punto d’arrivo. I due anni di contratto che gli restano (in estate ha rinnovato fino al 2020) gli serviranno per collezionare altri scudetti e tentare di aggiungere alla ricchissima bacheca (14 trofei) quella Champions League che tutti i bianconeri bramano, ma anche per entrare ancor di pi nella pelle della Signora. La Juventus l’ha sedotto quando era un ragazzotto, Giorgio non ha mai smesso di esserle fedele e adesso si gode la nuova condizione di re, conquistata senza fronzoli, ma con costanza e sacrificio. Contro il Milan, Chiellini ha festeggiato le 482 partite con la Juventus, appaiando Roberto Bettega al 5 posto. La prossima gara che giocher sar quella del sorpasso, che porter il difensore nell’esclusiva top five dei bianconeri con pi presenze. Il primo dei traguardi che ha nel mirino.

500 E OTTAVO SCUDETTO
Domani con la Spal, Giorgio potrebbe riposare (cosa che di solito accade dopo la sosta) per essere pi fresco marted in Champions col Valencia. In questo caso il sorpasso sarebbe posticipato di qualche giorno. Chiellini guarda lontano, pensa gi a dove potr arrivare a fine stagione. Gli mancano 18 partite per entrare nell’elite dei 500, aggiungendosi ai quattro bianconeri (Del Piero, Buffon, Scirea e Furino) che hanno superato i 500 match con la Juventus, e pu riuscirci prima della fine della stagione. Con l’ottavo scudetto aggancerebbe Ferrari, Furino e Rosetta. Nessuno di loro per li ha vinti tutti consecutivamente, come Chiellini, e solo Furino ha festeggiato 8 volte sempre con la Juventus. Non solo: giocando fino alla soglia dei 36 anni, pu arrivare a 9 titoli italiani, impresa di cui finora stato capace unicamente Buffon. Anche in questo caso per non si tratta di tricolori vinti consecutivamente. Re Giorgio potrebbe diventare il primo e in teoria l’unico, visto che il solo altro bianconero in rosa ad aver messo in fila 7 scudetti Andrea Barzagli, che ha rinnovato per un solo anno e a fine stagione potrebbe smettere.


DALLA B AL TRONO
Chiellini non ha mai considerato il calcio un lavoro. Se gli chiedete che cosa rappresenta per lui, vi risponder semplicemente: “ la mia vita”. Non stato un colpo di fulmine, ma una fiamma che si accesa piano piano. Chiello non ha il carisma di Buffon n la classe di Del Piero, ma si guadagnato la fascia, la fiducia dei compagni e l’amore incondizionato della gente con la fatica e la generosit. Chiellini non bello in campo, per ha il fascino del giocatore un po’ retr: sgraziato ma efficace, alza la voce solo quando non pu farne a meno ma d sempre il buon esempio. Difficile trovare un giocatore capace di mantenere lo stesso livello di intensit, costanza ed attenzione cos a lungo, anzi diventando sempre pi forte. La Juventus lo prese a vent’anni e lo gir alla Fiorentina per un anno. Re Giorgio ha vissuto l’inferno della B ed stato uno dei cardini della ricostruzione. Ora il regno bianconero nelle sue mani.

 Fabiana Della Valle 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it