“A Liverpool niente bus parcheggiato davanti alla porta”


Carlo Ancelotti si gode il suo Napoli che vince in scioltezza con il Frosinone, nonostante l’ampio turnover in vista dell’impegno decisivo di Champions contro il Liverpool. “Non pensate che partite come quella di oggi siano facili, c’erano tutte le premesse per essere una trappola, specialmente prima di una gara da dentro o fuori in Champions”, puntualizza il tecnico azzurro. Un plauso particolare lo meritano gli esordienti, da Meret a Younes (entrato nella ripresa), sino ovviamente a Ghoulam. “Ho deciso marted di farlo giocare oggi. Mi complimento con chi ha debuttato: questi giocatori hanno saputo aspettare e farsi trovare pronti, anche se arrivavano da brutti infortuni”.

Ancelotti osserva i suoi in Napoli-Frosinone. Ansa

Ancelotti osserva i suoi in Napoli-Frosinone. Ansa

testa al liverpool
Ora il Napoli libero di pensare alla trasferta di Anfield. ci si gioca la qualificazione. “Dobbiamo stare calmi e mantenere la concentrazione – chiarisce Ancelotti -. Siamo in forma e alcuni giocatori oggi hanno riposato, quindi arriviamo nelle migliori condizioni”. Cosa attendersi dalla partita di Liverpool? ” fondamentale avere un approccio positivo, cercare di avere l’iniziativa, anche perch non sappiamo giocare in modo differente. Non possiamo pensare di andare l e piazzare il bus davanti alla nostra porta”.



Salah, autore di una tripletta con il Bournemouth, fa paura? “Speriamo che abbia dato tutto oggi e finisca senza energie marted…”, ride Ancelotti. Che poi ricorda i suoi trascorsi contro i Reds: “Ho un ricordo fantastico di Anfield, l ho conquistato la Premier col Chelsea. La Champions persa a Istanbul contro Benitez col Milan? Preferisco portarmi dentro la vittoria di Atene contro il Liverpool…”.

 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it