Aberrante pensare che chi sta al governo può violare la legge


Dopo la notizia dell’indagine a carico di Matteo Salvini per sequestro di persona aggravato e dopo, soprattutto, la dura replica del ministro dell’Interno che ha aspramente attaccato la magistratura, molti esponenti del Partito Democratico reagiscono. Accusando Salvini di parole “eversive”, come fatto nel pomeriggio dal segretario Maurizio Martina. A commentare arriva su Facebook anche l’ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi: “Le dichiarazioni del ministro dell’interno Salvini sono farneticanti. Come al solito mi tira in ballo e cerca di fare la vittima ma l’idea che chi è stato eletto parlamentare o siede al Governo possa violare tranquillamente la legge è aberrante. E attenzione: Salvini butta tutto sulla questione immigrazione per un preciso calcolo politico. Lui sa che la Lega deve restituire 49 milioni di euro. Sa che c’è una sentenza. E sa che gli italiani non perdonano chi ruba i propri soldi. Quindi prova a diventare un martire e cerca lo scontro coi magistrati siciliani. Che vergogna!”.

L’accusa di Renzi si riferisce soprattutto alla questione dei 49 milioni che la Lega dovrà restituire allo Stato dopo la truffa per i finti rimborsi elettorali. “Il punto – precisa Renzi – è che Salvini è dentro fino al collo alla vicenda dei 49 milioni rubati dalla Lega. Fino al collo. E pur di non parlarne porta lo scontro istituzionale al massimo livello”. L’ex segretario del Pd chiede quindi al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, di intervenire per condannare le dichiarazioni di Salvini: “Quanto dovremo aspettare per avere dichiarazioni di sdegno del Premier e del Guardasigilli?”. E le parole di Bonafede sono arrivate poco dopo, con un messaggio critico nei confronti del ministro dell’Interno. “C’è solo un messaggio da ripetere fino alla noia – conclude Renzi -. Salvini restituisci i soldi che la Lega ha rubato agli italiani. Tutto il resto è solo un vile tentativo di screditare le istituzioni e di prendere in giro gli italiani”.

Per il Pd da Salvini parole eversive

L’attacco nei confronti di Salvini viene reiterato anche da altri esponenti dem, come il capogruppo al Senato Andrea Marcucci: “In pratica quelli che si scagliavano contro le immunità parlamentari sono alleati con il ministro che vorrebbe che la magistratura perseguisse solo gli italiani che non prendono voti alle elezioni. Salvini straparla ed i 5 Stelle sono muti”. Il senatore del Pd, Franco Mirabelli, aggiunge: “Le dichiarazioni di oggi in cui Salvini vanta una sorta di superiorità rispetto alla magistratura e agli altri organi dello Stato per il fatto di essere eletto sono farneticanti ed eversive. Il ministro degli interni che sostiene che gli eletti siano al di sopra della legge mentre si presenta il decreto anticorruzione è davvero preoccupante e la dice lunga sulla confusione che regna nel governo”.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/