Attingiamo a un po’ di deficit per mantenere tutte le promesse


Il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, torna a parlare della legge di bilancio dalla Cina e spiega qual è la sua idea, assicurando che i soldi per mantenere le promesse ci sono. Anche a costo di far crescere leggermente il deficit. “Un governo serio, e non è un attacco al ministro dell’Economia, i fondi li trova – afferma Di Maio –. Li troviamo dai tagli, ma se non bastasse, sappiamo che potremo tagliare tanti altri sprechi, ma non possiamo aspettare 2-3 anni per mantenere le promesse. Per questo si attinge a un po’ di deficit per poi far rientrare il debito l’anno dopo o tra due anni. Tenendo i conti in ordine”. Il punto, per il ministro del Lavoro, è mettere al centro non l’idea di “rassicurare i mercati, ma l’obiettivo della legge di bilancio è migliorare la vita dei cittadini italiani”.

Di Maio assicura che i soldi ci sono e che “non si toccano i diritti essenziali dei cittadini e non si sfora il 3%. I tagli alla sanità o l’idea di sforare il deficit in modo da mandare fuori giri i conti dello Stato, sono questioni che non esistono”. Di Maio individua tre priorità assolute: “Flat tax, reddito di cittadinanza, legge Fornero da superare. Le metteremo nella legge di bilancio, adesso stiamo trovando tutti gli spazi ma arrivare a fine anno e dire che le promesse non erano realizzabili non è la nostra intenzione, non è l’intenzione del governo”. Inoltre, secondo il ministro del Lavoro non c’è alcuno scontro all’interno del governo, ma si sta solo lavorando alle coperture: “Dobbiamo mantenere le promesse, altrimenti è meglio se andiamo a casa. Ho piena fiducia nel ministro dell’Economia, Giovanni Tria, per quello che sta facendo, e nel gioco di squadra che stiamo facendo nel governo. Gli italiani ci chiedono di superare la legge Fornero, abbassare la tassazione insostenibile, aiutare nei reinserimenti nel mondo del lavoro”.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/