Avete spostato le lancette dell’orologio? L’ora solare è tornata stanotte


Vi siete ricordati questa notte di spostare le lancette dell’orologio? Alle 3 del mattino del 28 ottobre è tornata l’ora solare, le lancette dell’orologio quindi sono tornate indietro di un’ora segnando nuovamente le ore due. Un passaggio da ora legale a ora solare che ci ha fatto dormire un’ora in più, che ci consentirà di avere più luce la mattina (ma le giornate saranno più corte) e che resterà in vigore fino al 31 marzo 2019, quando dovremo di nuovo spostare la lancette dell’orologio. Ma la “pratica” del cambio orario potrebbe presto subire uno stop. Nel corso dell’estate il tema dell’ora legale è stato infatti molto discusso a causa di una consultazione della Commissione europea, conclusa con la vittoria di chi chiede che l’ora legale venga abolita. La misura era stata annunciata dal presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, che in un’intervista aveva spiegato che stando a una consultazione pubblica lanciata in estate dall’esecutivo comunitario, l’80% degli europei è a favore dell’abolizione. Ogni Stato, secondo la sua proposta, dovrebbe decidere se adottare l’orario solare tutto l’anno oppure quello legale. Nelle prossime settimane dovrebbe arrivare una proposta più precisa per abolirla.

I problemi di insonnia con ritorno dell’ora solare – Col ritorno dell’ora solare avremo più ore di luce al mattino mentre farà buio prima e il sonno potrà risentire di tutto ciò. “Domenica si riposerà un’ora in più ed è possibile che questo cambio influisca sui nostri livelli energetici, soprattutto di mattina – ha spiegato Eleonora Iacobelli, psicologa e vicepresidente dell’Associazione europea attacchi di panico (Eurodap) -. L’insonnia, per esempio, è uno dei problemi maggiori, in modo particolare per i bambini. Questo è il motivo per cui vanno abituati ad anticipare gli orari già nei giorni precedenti allo spostamento delle lancette. Una regola questa utile anche per gli adulti, che dovrebbero, per quanto possibile, seguire i propri ritmi e le proprie esigenze, assecondando i segnali che arrivano da corpo e mente”. Cosa fare dunque per combattere l’insonnia? Secondo gli esperti evitare di assumere sostanze potenzialmente eccitanti come caffè o alcol prima di coricarsi; evitare l’assunzione di nicotina che potrebbe irritare e/o congestionare le vie respiratorie causando disturbi del sonno. E ancora: assicurarsi che l’ambiente in cui si dorma sia dedicato esclusivamente al riposo. Se si decide o si ha tempo solo alla sera di dedicarsi all’esercizio fisico farlo molto prima dell’orario in cui si decide di andare a dormire; evitare di mangiare cibi ipercalorici o molto proteici e ancora cercare di non impegnarsi in attività particolarmente impegnative a livello mentale.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/