“Balotelli? Deve far gol e comportarsi bene”


Roberto Mancini, c.t. della Nazionale italiana. Getty

Roberto Mancini, c.t. della Nazionale italiana. Getty

Tre c.t. insieme al tavolo delle conferenze del centro tecnico di Coverciano non si erano mai visti. Roberto Mancini (Nazionale maggiore), Gigi Di Biagio (Under 21), Paolo Nicolato (Under 20): i simboli di un progetto sempre pi comune, “per portare avanti – spiega Mancini – un pensiero che pu essere condiviso, quello di una nuova mentalit offensiva. Speriamo di riuscirci tutti insieme. La qualit si trova sempre: il problema quando i ragazzi arrivano in prima squadra e cominciano a giocare meno. Si parlato tanto di Ajax, negli ultimi tempi: per tre, quattro, anche cinque anni magari non vince niente, ma fa giocare i suoi ragazzi anche se sbagliano. cos che poi diventano una squadra forte”. Progetto comune, vedute comuni. Dice Gigi Di Biagio: “All’estero se sbagli giochi ancora, da noi dopo una partita sbagliata rischi di essere fuori. La verit sta in mezzo: ragazzi devono dare di pi, noi dobbiamo dargli la possibilit di sbagliare”. E Paolo Nicolato: “In Italia abbiamo un pessimo rapporto con l’errore e con il futuro: siamo molto concentrati sul presente, bravissimi a utilizzare quello che abbiamo gi, meno a pensare a qualcosa che vada oltre l’oggi”.

il piano per l’estate
Dalla filosofia di pensiero alla pratica, il passo breve: progetto comune, percorso comune. Mancini e Di Biagio hanno praticamente ufficializzato quello che si sa gi: sette giocatori in et Under 21 (Donnarumma, Mancini, Barella, Zaniolo, Donnarumma, Chiesa, Pellegrini e Kean) giocheranno le due gare di qualificazione all’Europeo di giugno, in Grecia e contro la Bosnia, con la Nazionale e poi in sei (escluso Donnarumma, a cui comunque sar chiesto un consenso) andranno a giocare l’Europeo di categoria. “Arriveranno da me il 12 giugno – dice Di Biagio – e arriveranno tutti: con un’eccezione, al massimo due”. Idem per il Mondiale Under 20, con due giocatori prima con Nicolato e poi, forse, con Di Biagio. Il condizionale d’obbligo, comunque uno potrebbe essere Pinamonti e l’altro ovviamente Sandro Tonali: il vero simbolo della trasversalit del progetto azzurro, come spiega Mancini. “Lui pu giocare il Mondiale under 20, l’Europeo under 21 e stare con noi in Nazionale: vedremo dove potr essere pi utile”.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

balotelli
Dove potr essere pi utile Mario Balotelli noto, perch Mancini lo ha spiegato pi volte e lo ha ribadito anche oggi: “Mario sa che deve fare gol, giocare bene, ma anche comportarsi bene. Se sei sempre a rischio cartellino giallo o rosso, un problema. Balotelli in campo deve essere corretto, e lo sa: gliel’ho detto pi di una volta”. Pi di una volta ha detto anche che preferirebbe se il prossimo campionato iniziasse prima (“Sarebbe buono anche per i club che dovranno giocare in Europa”) e finisse prima rispetto alle date ufficializzare da poco dalla Lega: “Il presidente ha espresso il suo pensiero, che anche il nostro. Prenderemo atto di quello che accadr, ma io ci spero ancora, perch le cose si possono sempre migliorare, se si vuole. Se il campionato finir prima, sar felice di far riposare i giocatori: di una settimana di libert e di scarico prima di un grande manifestazione c’ sempre bisogno. E se si vuole, si pu, visto che l’anno dell’Europeo”.

Dal nostro inviato Andrea Elefante 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it