“Boateng? Ci mancher. Il rigorista era Babacar, ma…”


Roberto De Zerbi, 39 anni, allenatore del Sassuolo. Lapresse

Roberto De Zerbi, 39 anni, allenatore del Sassuolo. Lapresse

un Sassuolo forza tre quello che supera di slancio il Cagliari al Mapei Stadium, mettendo in cascina altri tre punti che permettono agli emiliani di sistemarsi temporaneamente nella parte sinistra della classifica. Roberto De Zerbi, tecnico dei neroverdi, ha commentato la prova dei suoi: “Successo pesante, perch era tanto tempo che non vincevamo in casa anche se nel frattempo eravamo riusciti a piazzare qualche colpo in trasferta. Oggi abbiamo giocato bene dall’inizio alla fine, si sbloccato Locatelli e per la seconda partita di fila non abbiamo subito gol, rischiando poco. Questo per non cambia i nostri obiettivi: se riusciremo a fare altri tre o quattro prestazioni cos potremmo alzare l’asticella, ma dobbiamo stare attenti perch in Serie A un attimo perdere tre o quattro gare di fila senza accorgertene”.

rigore
De Zerbi ha parlato del battibecco tra Babacar e Berardi, che si sono contesi la battuta del calcio di rigore poi calciato e segnato dal senegalese: “Il nostro rigorista era Boateng, oggi avevo scelto Babacar ma non l’avevo comunicato prima della partita. Sono contento che sia lui che Domenico abbiano dimostrato questa voglia di calciarlo, ci sarebbe da preoccuparsi se succedesse il contrario. E proprio su Boateng, De Zerbi ha speso parole che sanno gi di nostalgia: “Non so se sia merito nostro il suo arrivo al Bara, se cos fosse ne saremmo ovviamente molto felici. Quel che certo che la sua assenza si far sentire perch ha caratteristiche uniche, con una tecnica da numero dieci e una fisicit e un attacco alla porta da numero nove”.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it