c’ Fazio. Sar lui l’anti Pavoletti


Fazio e Pavoletti. LaPresse

Fazio e Pavoletti. LaPresse

Il pericolo Claudio Ranieri lo conosce e bene e lo ha fatto anche intuire ieri, in conferenza stampa, quando parlando del Cagliari il tecnico giallorosso stato molto chiaro. “Una squadra fatta di ottimi giocatori, che ha in Pavoletti il suo punto di riferimento”. Gi, ed infatti domani bisogner guardarsi soprattutto da lui per portare a casa i tre punti e continuare ad inseguire la Champions. E Ranieri ha gi individuato a chi toccher occuparsi del centravanti rossobl ed Federico Fazio, l’uomo pi affidabile della difesa giallorossa sulle palle alte e sul gioco aereo. Anche perch Pavoletti l’uomo che ha segnato pi gol di testa in questa Serie A, finora 9 (sui suoi 12 totali, pi uno in Coppa Italia).

I VIDEO DI GAZZETTA TV

lo scorso anno
Sar Fazio, dunque, l’anti Pavoletti, da tenere d’occhio anche e soprattutto sulle palle inattive, su cui la Roma di solito marca a uomo. “Preferisco cos, anche perch a zona diventa pi complicato contrastare gli avversari che saltano in terzo tempo”, ha detto ancora Ranieri. Ed proprio quello che dovr fare Fazio, marcare a uomo Pavoletti quando il centravanti del Cagliari baller l, nel cuore dell’aria di rigore. Palle inattive o meno, perch Pavoletti di testa sempre un pericolo costante. Fazio, per, da quando c’ Ranieri tornato ad avere un rendimento di buon livello e sembra vivere un momento di grande fiducia ed autostima. Tra l’altro, lo scorso anno fu proprio lui a segnare il gol decisivo con cui la Roma al 94’ riusc a superare il Cagliari in casa per 1-0. Un gol contestato dai sardi per un presunto tocco di mano sulla respinta di Cragno (che in precedenza aveva parato un rigore a Perotti), ma che il controllo del Var determin come buono (Fazio segn di petto e non di mano). Ecco, domani Fazio si dovr preoccupare pi di non far segnare che segnare. Esattamente come gli successe l’anno scorso, quando vinse anche il duello personale con Pavoletti. Se poi dovesse riuscirgli anche il bis, ancora meglio.


 Andrea Pugliese 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it