“Caceres era scontento. E nessuno rifiuta la Juve”


Simone Inzaghi (42 anni). ansa

Simone Inzaghi (42 anni). ansa

Simone Inzaghi sa come si pu vincere contro la Juventus di Allegri. Due successi preziosi nella scorsa stagione fra Supercoppa e campionato (a Torino) che danno una spinta in pi alla Lazio nella sfida di domani all’Olimpico. “Giocheremo contro la squadra pi forte d’Italia, una delle migliori in Europa – spiega il tecnico biancoceleste -. Dovremo fare una partita importante, come ci riuscita in passato. Servono motivazioni e il giusto approccio. La Juve tende sempre a giocare a un ritmo altissimo nei primi 15-20 minuti. Poi dobbiamo portare gli episodi dalla nostra parte con testa, cuore e gambe”.

la formazione
Mancheranno l’infortunato Luiz Felipe e gli squalificati Acerbi e Marusic. In pole, il modulo 3-4-1-2. Con Parolo sula destra della mediana. “Ieri non avevo Patric, vedremo nella rifinitura se avr recuperato, penso di s. Posso mettere lui a destra oppure Parolo”. E Correa torna da titolare al fianco di Immobile. ” una nostra risorsa molto importante. Prima di Napoli aveva saltato il Novara per influenza. Nelle gare precedenti aveva giocato dall’inizio, probabilmente lo far anche domani. Si inserito bene, generoso, ci aiuter con la Juve e in futuro”.


movimenti
andato via Caceres, passato proprio alla Juventus. Una partenza che ha lasciato qualche interrogativo. “Io parto dal presupposto che devo avere giocatori che siano entusiasti di rimanere qui. A Caceres non sono riuscito a dare una maglia da titolare fisso. Lui non ha mai creato problemi, ha sempre dato tutto, non posso rimproverargli nulla. Mi ha detto che non era contento e voleva giocare di pi. Poi nessuno pu dire di no alla Juve, gli auguro il meglio perch verso di me e la squadra si sempre comportato bene”. Saltato invece il trasferimento di Lukaku al Newcastle. “Anche Jordan a inizio settimana mi ha manifestato la voglia di giocare con continuit. Io non posso garantire a nessuno la maglia da titolare. Insieme alla societ quindi si deciso di mandarlo in prestito. Poi ha avuto delle complicazioni il suo passaggio al Newcastle. Da domani torner a essere un giocatore della Lazio al 100%. Mi ha dimostrato di stare bene, altrimenti non avrebbe giocato a Napoli. Su Basta c’ qualche possibilit, ha qualche situazione aperta di mercato. Quando ha giocato ha sempre dato il meglio, se rester allora faremo di tutto per reintegrarlo. Ci potr dare una mano”.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Nicola Berardino 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it