Castrazione chimica: che cosa è, come funziona e dove viene usata


Come spesso accade dopo un atto di violenza sessuale si torna a chiedere a gran voce la castrazione chimica. Non l’ha invocata solo Matteo Salvini: ieri nel corso della trasmissione Prima Pagina su Radio Tre sono arrivati in redazione moltissimi messaggi di donne favorevoli a questo tipo di pena per i reati a sfondo sessuale. Ma che cosa davvero la castrazione chimica? Si tratta di una terapia antagonista del testosterone,l’ormone maschile. Di fatto, tramite la somministrazione di farmaci a base di ormoni (capsule, fiale, iniezioni sottocutanee) viene inibita la produzione e il rilascio in circolo degli ormoni che stimolano i testicoli alla produzione di testosterone. I due principi attivi pi utilizzati sono il ciproterone acetato e il medrossiprogesterone acetato (meno costoso, diffuso soprattutto negli Stati Uniti), ma ce ne sono altri come il bicalutamide o gli analoghi LHRH.

Falsi miti

Ma che cosa sappiamo sull’utilit di questa pratica? E quali sono i risvolti etici? Gli studi (americani) si contano sulla punta delle dita. Questi farmaci sono nati per combattere il carcinoma alla prostata ma oggi sono utilizzati anche per abbattere il desiderio sessuale dei sex offender, l dove il carcere non basta spiega Vincenzo Mirone, gi presidente della Societ italiana di urologia e professore di Urologia alla Federico II di Napoli. Sfatiamo per un mito – aggiunge il professor Andrea Salonia, urologo e andrologo, esperto di medicina sessuale all’ospedale San Raffaele di Milano – e cio che i violentatori e i pedofili abbiano un livello di testosterone pi alto dei soggetti che hanno una normale sessualit. Non cos: non dal livello di ormone maschile che si pu capire se un uomo diventer un sex offender.

La reversibilit

Dubbi ci sono anche sulla reversibilit della terapia. Come spiega il professor Mirone, due-tre mesi dopo la sospensione del farmaco, il testosterone dovrebbe tornare a livelli normali. Ma possibile che il desiderio sessuale non sia pi quello di prima, come tra l’altro pu succedere a chi segue una terapia ormonale contro il tumore chiarisce il professor Salonia. Inoltre una volta terminati gli effetti della castrazione chimica nessuno garantisce la non recidivit del soggetto. Vero che testosterone e sessualit vanno a braccetto, ma ci sono persone che, pur avendo l’ormone maschile abbattuto, hanno ancora il desiderio di sessualit. Abbiamo pazienti – aggiunge ancora Salonia – con 0,01 di testosterone perch hanno avuto problemi di tutt’altro genere che hanno ancora un’attivit sessuale proprio perch la sessualit non solo una questione di ormoni, ma legata anche alla sfera biologica e psicologica. Non sempre la riduzione del livello di testosterone sufficiente a inibire il comportamento patologico deviante. Gli psichiatri sottolineano che la violenza sessuale non quasi mai la soddisfazione di un impellente bisogno fisiologico, ma spesso trae soddisfazione dall’esercizio del potere, della forza, dell’umiliazione e del controllo della vittima.

Gli effetti collaterali

La castrazione chimica non esente da effetti collaterali. Oltre all’impossibilit di procreare, l’alterazione dell’equilibrio ormonale provoca cambiamenti fisici e psicologici. Aumentano l’adipe sui fianchi, le cosce e le mammelle mentre diminuiscono i peli sul corpo. Proprio a causa dell’aumento del grasso corporeo cresce il rischio di malattie cardiovascolari e diabete. Tra gli effetti anche l’insorgenza di osteoporosi.

Dove usata la castrazione chimica

La castrazione chimica prevista nell’ordinamento giuridico di alcuni Stati degli Usa e in diversi Paesi europei. La netta maggioranza dei Paesi come Svezia, Finlandia, Germania, Danimarca, Norvegia, Belgio e Francia ne fa un uso estremamente limitato e subordinato al consenso del condannato, che deve essere informato degli effetti collaterali. Sperimentazioni sono in corso in Portogallo e nel Regno Unito. In Russia e in Polonia la castrazione chimica obbligatoria per i colpevoli di stupro su minorenni.

25 settembre 2018 (modifica il 25 settembre 2018 | 21:17)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Link ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml