“Champions? Vinciamo e si vedr. Freuler guarito”


Gian Piero Gasperini. Getty

Gian Piero Gasperini. Getty

Scontro per l’Europa? Sicuramente s, lo dice la classifica. Quale? Tempo al tempo. Roma quinta a 33 punti, Atalanta a 31 (in mezzo la Lazio con 32). Bastano questi numeri per spiegare l’importanza dell’incrocio di domani: “Cominciamo da questa, poi penseremo alla Juve. Stiamo bene, ci siamo meritati la possibilit di giocare questo tipo di gare. Speriamo di portarla a casa”. Gian Piero Gasperini, presente in conferenza stampa nel giorno del suo 61esimo compleanno (”Quanti messaggi, grazie a tutti”), entusiasta di affrontare i giallorossi con questa posta in palio: “Ma presto per parlare di obiettivi – sottolinea -, tante squadre vicine hanno la chance di puntare all’Europa”.

roma ed europa
Poi focus sul gruppo di Di Francesco: “Mi piace la filosofia, sono pi forti rispetto all’andata. Loro con meno punti del previsto? Non credo, questa Serie A particolare. La Roma, come altre, fa degli investimenti importanti, penso a Cristante – prosegue il tecnico -. Per noi bello giocarcela con realt del genere, motivante esserci in questa corsa tanto combattuta. Ripeto, presto per i proclami, ma se riuscissimo a battere questi avversari sarebbe logico pensare a certi obiettivi. Da tempo siamo in certe posizioni, ormai non si parla di novit, ma di confronto”. Sulle qualit giallorosse: “Giocano con coraggio e segnano, sono da Champions. Che squadra mi aspetto? Ci sono 2-3 variabili, ma hanno un’identit chiara”. Chiosa su Zaniolo: “Sta facendo benissimo, speriamo domani non sia cos tanto in forma – sorride il mister -. E sono felice per Bryan, ormai ha superato il periodo complicato di inizio stagione. Bello che ci sia spazio per i nostri talenti, conta per il nostro calcio”.


remo e attacco
Sui suoi, cos il Gasp: “Freuler sta abbastanza bene, pensavo peggio. Sarebbe un azzardo proporlo dal 1’, non vorremo rischiare. Decider oggi se portarlo in panchina”. Capitolo difesa: “Ne abbiamo tanti, tutti forti. E ogni gara importante. Non credo di scegliere in base alle caratteristiche dell’avversario, in primis contano le condizioni dei nostri”. Applausi per il Papu, dal 5-1 sul Chievo nuovo trequartista: “Con Cristante c’erano degli equilibri diversi. Una volta ceduto, non c’era un giocatore in grado di sostituirlo se non Gomez, ma non ho rilanciato la sua carriera. Bravo lui, per noi decisivo”. Su Ilicic: “Speriamo riesca presto a segnare, non gli chiediamo ogni volta una tripletta (ride, ndr)”. La Dea vola con un attacco da 44 gol in campionato (il migliore), Gasperini chiude cos: “Al netto delle difficolt iniziali, un’anomalia. Sar dura mantenere questo ritmo. Juve e Napoli sono forti, ma siamo contenti: i nostri risultati passano soprattutto da qui”.


Link ufficiale: gazzetta.it