“Chievo ora difficile da affrontare. Milik? Mi ha soddisfatto come tutti”


Carlo Ancelotti, 59 anni. AFP

Carlo Ancelotti, 59 anni. AFP

“Questa è un’opportunità per restare competitivi nella seconda parte della stagione: dobbiamo cercare di accorciare la distanza dalla prima della classe e passare il turno di Champions”. Ancelotti stila i punti all’ordine della stagione. E da qui alla prossima sosta, il suo Napoli può ingranare la quarta e provare a dare una scossa al campionato. Domani c’è il Chievo, “che ha motivazione e che ha cambiato allenatore, Di Carlo proporrà sicuramente qualcosa di nuovo”, il pensiero dell’allenatore. Chiaro su Mertens (“ha preso un colpo in allenamento”) e ancor di più su Milik: “Momenti buoni e meno buoni, ma tutti gli attaccanti mi hanno soddisfatto”.

merito juve
Il tema del giorno sembra essere quello del calendario: “La classifica esprime quello che è il valore delle squadre, la Juve le ha vinte tutte e pareggiato una sola. Anche loro hanno i propri meriti”, sostiene Ancelotti. Al quale fa piacere “avere 50mila persone allo stadio, perché vuol dire che c’è sintonia tra squadra e tifoseria. Per ottenere i risultati servirà, ma i meriti sono di tutti”. Pure, o forse soprattutto, i suoi.


A BREVE IL SERVIZIO COMPLETO

Dal nostro inviato Mimmo Malfitano 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it