col Milan una maledizione a intermittenza


Lucas Leiva e Bakayoko nell'ultima sfida a San Siro in campionato. Ap

Lucas Leiva e Bakayoko nell’ultima sfida a San Siro in campionato. Ap

Una maledizione a fasi alterne. Perch funziona solo in campionato. Questo dice la cabala, questa la speranza della Lazio. Gi, perch i biancocelesti non vincono, in Serie A, in casa del Milan dal 1989, vale a dire 30 anni esatti. Eppure in Coppa Italia la Lazio riesce regolarmente a sbancare la San Siro rossonera. successo tre volte negli ultimi 15 anni, durante i quali ci sono state appena 5 sfide. In tutte e tre le stagioni, fra l’altro, i biancocelesti sono arrivati in finale. Evidentemente di buon auspicio per stasera.

LE IMPRESE
Nella propria storia la Lazio ha vinto in Coppa Italia in casa del Milan appena 4 volte. La prima nel 1941, quando si impose per 2-0. Oltre a Gualtieri, a segnare fu curiosamente Romagnoli, omonimo dell’attuale capitano del Milan e tifoso laziale. La seconda impresa arriv, con Mancini in panchina, nella semifinale d’andata della Coppa Italia 2003-04: dopo pochi secondi fu Stefano Fiore ad approfittare di un errore di Abbiati per portare i biancocelesti in vantaggio. La gara fin 1-2 con le reti di Couto e di Filippo Inzaghi. Al ritorno la Lazio travolse i rossoneri per 4-0, raggiungendo la finale poi vinta con la Juventus. Simile la storia del 2009: fin sempre 1-2 (ai supplementari) con i gol di Shevchenko, Zarate e Pandev. A fine stagione i biancocelesti conquistarono la coppa battendo la Sampdoria all’ultimo atto. Poi il 2015: tre giorni dopo aver battuto il Milan 3-1 in campionato (ovviamente all’Olimpico) la Lazio si impose 1-0 anche a San Siro in Coppa Italia grazie a un gol di Biglia (acquistato dai rossoneri due anni dopo). In questi ultimi 15 anni la Lazio contro il Milan ha perso al Meazza solo nel 2011-12 (erano i quarti di finale, fin 3-1 con i gol di Robinho, Seedorf e Ibrahimovic che risposero all’iniziale vantaggio di Ciss). Tutto sembra tranne che una maledizione.


GARE STORICHE
Equilibrata, esattamente come le sfide di questa stagione, anche la semifinale dell’anno scorso: nella gara d’andata la Lazio pareggi 0-0 a San Siro, salvata da Calhanoglu che fall una clamorosa palla gol a una manciata di minuti dalla fine. Al ritorno, dopo un altro 0-0, furono i rossoneri a qualificarsi ai rigori. A Roma si ricorda per ancora la finale del 1997-98: la Lazio non vinceva la Coppa Italia da 40 anni esatti, e non si qualificava all’ultimo atto dal 1961. A San Siro, per la finale d’andata contro il Milan di Capello, fu un esodo di tifosi biancocelesti. In campo fu dominio assoluto dei romani, beffati per all’ultimo secondo dal gol di testa di Weah (servito direttamente dal rinvio di Seba Rossi). Al ritorno fu il Milan a portarsi avanti a inizio ripresa con una punizione di Albertini (deviata da Nedved), ma in 10 minuti (dal 55′ al 65′) la Lazio segn 3 gol con Gottardi, Jugovic (su rigore conquistato da Gottardi) e Nesta, che dalla stagione successiva sarebbe diventato capitano, prima di trasferirsi a Milano nel 2002. Fu il primo trofeo dell’era Cragnotti, la pi vincente di tutta la storia laziale. Conquistata, curiosamente, nonostante la sconfitta di San Siro. Dove la Lazio, con il Milan, perseguitata da una trentennale maledizione, che per valida solo in campionato. In coppa, la Lazio ne (quasi) immune.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Elmar Bergonzini 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it