con l’Inter…” – FC Inter 1908


L’intervista della sorella dell’argentino alla rivista Diva & Donna

Mauro Icardi e Wanda Nara hanno assistito da spettatori alla partita di Europa League dell’Inter contro il Rapid Vienna. Vittoria e passaggio del turno conquistato. Ma il sereno tra l’attaccante argentino e il suo club ancora non è tornato. E nell’attesa che si capisca quando Mauro tornerà a scendere in campo ci si mette anche la sorella. Ivana Icardi ha lanciato un appello tramite la rivista Diva & Donna: “Ho deciso di espormi perché il comportamento di Wanda sta facendo del male a mio fratello. Mauro mi fa tenerezza, per me lui è una vittima di questa situazione: è un bravissimo ragazzo, non merita di essere giudicato per quello che non è. Vorrei dirgli queste cose in faccia, ma non riesco a parlargli, non mi risponde neanche più al telefono e ci soffro. L’ultima volta che ci siam incontrati per più di cinque minuti è stato nell’ottobre 2017 quando sono andata a casa sua per conoscere la mia nipotina. Wanda non mi ha neanche guardato in faccia. All’inizio fra me e lei andava tutto bene: anzi ho sempre voluto conoscerla meglio e ho rispettato la scelta di mio fratello, senza pregiudizi. Poi quando nel 2016 ho deciso di partecipare al GF in Argentina abbiamo iniziato a discutere: Mauro mi aveva detto “fai quello che vuoi”, ma a lei non è mai andata giù questa mia decisione. Comunque al di là delle incomprensioni, quella che a me interessa è il bene di mio fratello. Ho discusso tante volte con lui in passato, ma fra noi non abbiamo mai avuto problemi seri: ci siamo sempre voluti bene.”

La situazione all’Inter: “Ora invece lo vedo isolato dalla sua famiglia: sente solo la verità di sua moglie. Sembra cambiato tanto da quando sta con lei e da quando gli fa da manager: alla fine è un ragazzino, è giovane. Wanda ha 7 anni più di lui, ma per me sta sbagliando tutto: avrebbe dovuto rispettare di più una squadra come l’Inter; così non fa il bene di mio fratello. Io sono sincera, non una vipera. Mi sembra che mio fratello stia pagando colpe non sue: vorrei che aprisse gli occhi e si rendesse anche conto che la sua famiglia sta soffrendo. Io non voglio nessun aiuto economico da Mauro come dice qualcuno, semplicemente vorrei ritrovarlo e vorrei che si riavvicinasse a nostra madre che lavora in una lavanderia e non vive nel lusso”.

(Diva & Donna)




Link ufficiale: gazzetta.it