condannato a 16 anni di carcere


Si faceva chiamare Marmaduke il Clown. Ma ora la carriera del pagliaccio e animatore di bambini è finita. Charles Mason, 65enne inglese, è stato condannato a 16 anni di carcere per aver abusato sessualmente di diversi minorenni. Secondo le ricostruzioni, il presunto pedofilo avrebbe usato trucchi magici e il suo serraglio di animali esotici per attirare le vittime nella sua casa nell’East Hertfordshire. Li avrebbe soggiogati con “cannabis e  vino allo zenzero”, costringendoli a guardare film pornografici prima di violentarli, secondo quanto ricostruito dalla Corte di St Albans. Mason è apparso in tribunale per ben 16 diverse imputazioni relative ad aggressione indecente nei confronti di cinque vittime. Fatti che sarebbe avvenuti tra il 1985 e il 2002. Una delle sue vittime sarebbe stata sistematicamente abusata dall’età di 11 a 16 anni. Il suo legale, Lucie Wibberley, ha detto che Mason era precedentemente un “personaggio senza macchia” e che comunque non “ha mai usato la forza o la violenza gratuita” nei confronti delle sue vittime.

Durante la sentenza, il giudice Marie Catterson ha detto all’uomo: “Ti sei guadagnato da vivere come animatore per bambini e hai tenuto un serraglio di animali esotici. “I giovani erano desiderosi di vederti esibire e tu li hai sfruttati per la tua gratificazione”. Secondo il magistrato gli abusi hanno provocato un “effetto profondo e incalcolabile” sulle cinque vittime. “Provano vergogna e hanno perso la fiducia in se stessi. Si incolpano ingiustamente” ha detto Catterson. “Ogni vittima ha sofferto per lo sfruttamento della propria giovinezza e per la naturale ingenuità: Mason era emotivamente manipolativo per tutti loro”. Mason aveva negato 18 capi di aggressione indecente, avvenuti quando viveva a Turnford e Hoddesdon nell’Hertfordshire. Il suo nome è stato iscritto nel registro dei molestatore sessuale a tempo indeterminato e dovrà rispettare i termini di un ordine di prevenzione del danno sessuale per 20 anni.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/