Coppa Italia, Torino-Süd Tirol 2-1: decidono Soriano ed Edera


I giocatori del Toro esultano dopo la rete di Soriano. LaPresse

I giocatori del Toro esultano dopo la rete di Soriano. LaPresse

Ci pensa Roberto Soriano a scongelare il Toro due nella fredda notte dell’Olimpico Grande Torino, poi nel finale Edera chiude i conti e blinda la qualificazione. Non avrà brillato sul piano del gioco questo Toro in versione sperimentale, ma non si è fatto nemmeno sorprendere dalla buona volontà di un Sudtirol (squadra di Serie C) bello compatto e piombato in riva al Po con la voglia di rifilare lo scherzetto di Coppa. Non è serata da calcio spumeggiante e c’è da giurare che Mazzarri si aspettava ben altro atteggiamento e decisamente risposte di altro spessore dalle molte seconde linee in campo, ma in fin dei conti il Toro ha fatto il suo, vincendo 2-0 e portando a casa il biglietto per gli ottavi di Coppa Italia dove il 13 gennaio troverà la Fiorentina.

ESPERIMENTI
Lo aveva detto, e alla fine è andata esattamente così: Mazzarri ha concesso il palcoscenico alle seconde linee, a quei giovani e meno giovani che finora in campionato hanno trovato meno spazio. Un solo vero titolare dal primo minuto: Baselli a centrocampo, che con il Cagliari aveva tutto sommato riposato entrando solo nell’ultimo quarto d’ora, protagonista di una staffetta dopo un’ora di gioco con Meité. Nelle altre dieci posizioni del campo il Toro c’è la chance per chi è a caccia di una maglia: Ichazo in porta, difesa con Bremer, Lyanco e Moretti; a centrocampo Parigini a destra, Berenguer a sinistra, Lukic e Soriano accanto al già citato Baselli. Davanti l’insolita coppia Edera-Zaza.


UNA LIBERAZIONE
L’avvio è lento, prima conclusione di Costantino dopo sedici minuti. Poi, al 24’, tocca a Soriano far saltare il banco con una conclusione deviata da Casale. E’ il suo primo gol da quando indossa la maglia granata. “Aspettavo questo momento da molto tempo”, ha poi commentato all’intervallo Soriano quasi come se fosse stata una liberazione. A due minuti dalla fine del primo tempo, il Sudtirol chiede il rigore per un contatto tra Costantino e Bremer, l’arbitro Mariani decide di ammonirlo per simulazione. Nella ripresa (al 54’) Zaza spreca l’occasione per chiuderla, e al 72’ il Sudtirol va anche in gol con Turchetta, ma l’arbitro segnala una posizione di fuorigioco tra le proteste degli ospiti. A nove minuti dalla fine, Edera trova il raddoppio e chiude i conti. Mazzarri passa, ma sul suo volto di soddisfazione se ne legge poca.

Dal nostro network:

Moretti: “Bene così, obiettivo centrato”.
Zanetti: “Abbiamo fatto bella figura”.

 Mario Pagliara 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it