cos ora il Napoli in buone mani


David Ospina, portiere del Napoli. Ap

David Ospina, portiere del Napoli. Ap

Gli ultimi saranno i primi. Deve averlo pensato David Ospina accettando, alla vigilia dell’esordio in campionato, il ruolo, in pratica, di terzo portiere del Napoli. Aveva davanti infatti Karnezis e Meret (che allora sembrava sul punto di rientrare in fretta); il colombiano ha accettato di vestire in prestito per un anno la maglia azzurra e chiss che adesso per lui non diventi una seconda pelle.

TURNOVER ACCANTONATO arrivato talmente tardi che a Roma contro la Lazio a stento andato in panchina, ma potrebbe rimanere a lungo perch il Napoli sembra interessato a riscattarlo dall’Arsenal, con il quale il colombiano ha il contratto in scadenza nel 2020. Ormai Ospina il titolare a tutti gli effetti e il turnover, almeno in porta, sta per essere definitivamente accantonato.


EUROPA E CAMPIONATODel resto, sta dando ampie garanzie ad Ancelotti ed al preparatore dei portieri Nista, che lo ritiene un portiere molto moderno per l’interpretazione che d al ruolo. Sa leggere le giocate in profondit degli avversari, sa uscire oltre la propria area (come con il Liverpool) e ha i piedi buoni per rilanciare l’azione in stile Reina. Carletto lo ha voluto perch cercava un portiere di affidabilit ed esperienza, specie in campo internazionale. In campionato, invece, si accomodato in panchina in 5 occasioni ed rimasto imbattuto soltanto contro il Sassuolo. Ecco, se c’ un aspetto sul quale pu migliorare proprio sul numero delle reti subite.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SULLA GAZZETTA OGGI IN EDICOLA

 Gianluca Monti 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it