da lunedì neve anche in pianura


Finita l’estate di San Martino, ecco arrivare l’inverno sulla penisola. Come ampiamente annunciato dagli esperti meteo nei giorni scorsi, le condizioni stanno rapidamente cambiando verso un periodo decisamente più freddo e instabile. Aria gelida in arrivo dalle Regioni Polari della Russia in queste ore inizierà ad affluire sull’Italia facendo calare le temperature di diversi gradi rispetto agli ultimi giorni. Per quanto riguarda le previsioni meteo di oggi, domenica 18 novembre, sulle regioni di Nordovest, Triveneto, Toscana, Lazio e coste campane il tempo sarà in prevalenza soleggiato a parte una modesta nuvolosità. Le nubi saranno più compatte nel resto della penisola, con alcune precipitazioni su Romagna, regioni del medio e basso Adriatico, Basilicata, nordest della Calabria e Sardegna tirrenica. Sul settore ionico si prevedono possibili isolati temporali. Tra pomeriggio e sera possibili delle piogge anche sulla Sicilia tirrenica. A fine giornata le nubi aumenteranno al Nord con qualche debole precipitazione sull’alta Lombardia. Le temperature sono previste per lo più in ulteriore calo.

Inizio settimana invernale – Ma è da domani – spiegano gli esperti del sito ilmeteo.it – che si inizia a far sul serio. Da lunedì 19 novembre i meteorologi si aspettano infatti un deciso peggioramento delle condizioni meteo complice l’avvicinamento di un Vortice Ciclonico in arrivo dal Mediterraneo occidentale che andrà a interagire con i venti gelidi in ingresso dai quadranti orientali. Le Regioni Nordoccidentali avranno maggiori possibilità di vedere nevicate con accumulo fin sulle pianure: l’aria gelida in ingresso da Est depositandosi nei bassi strati creerà il così detto cuscino freddo. E ancora, la neve tornerà a imbiancare le città di pianura del Nord in particolare del Piemonte e le province occidentali della Lombardia nella notte tra lunedì e martedì. A Torino e Cuneo attesi fino a 5 cm di neve fresca. Qualche fiocco misto alla pioggia potrebbe arrivare anche a Milano, anche se qui le temperature saranno più al limite. Sulle restanti regioni del Nord attesi fiocchi di neve a partire dai 300 metri su Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna. Sugli Appennini centrali invece la quota delle nevicate sarà intorno agli 800 metri, più a Sud solamente a partire dai 1800 metri a causa del richiamo mite dei venti dai quadranti meridionali.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/