Dalla Calabria all’impero tv negli Usa: chi è Rocco Commisso, l’uomo che prende la Viola – La Gazzetta dello Sport


Il magnate, arrivato negli Stati Uniti all’età di 12 anni e cresciuto nel Bronx, sta chiudendo l’accordo con i Della Valle. Nel 2018 fu bruciato sul filo di lana dal fondo Elliott nell’affare Milan

Dal nostro corrispondente Massimo Lopes Pegna

Rocco Commisso, il super milionario di 69 anni nato a Marina di Gioiosa Ionica (provincia di Reggio Calabria) che ha costruito le sue fortune con le tv via cavo dovrebbe essere a breve il nuovo proprietario della Fiorentina. E’ stato un articolo del New York Times a rivelare l’esistenza di una trattativa avviata da qualche settimana e vicina ormai al suo epilogo positivo. Si parla di una cifra di 150 milioni di dollari, legata probabilmente alla permanenza o meno della squadra in Serie A.

l’interesse per la serie A

—  

Commisso, arrivato negli Usa all’età di 12 anni e cresciuto nel Bronx, aveva tastato il terreno per rilevare la Fiorentina una prima volta già tre anni fa, ma l’affare non era andato in porto per la richiesta ritenuta troppo esosa da parte della società viola. Rocco non aveva mai mollato la presa ed era tornato a occuparsi delle vicende della squadra gigliata. Poi il suo interesse la scorsa estate era stato assorbito completamente dalla possibilità di mettere le mani sul Milan, a cui era arrivato vicinissimo, ma era stato bruciato sul filo di lana dal fondo Elliott. L’idea però d’investire nel calcio italiano gli era rimasta in testa ed aveva via via scartato le offerte di numerose altre squadre della nostra Serie A, come Sampdoria e Cagliari. Nel 2010 preferì non entrare nella cordata di DiBenedetto per prendere la Roma, per una sorta di lealtà nei confronti della Juventus per cui ha sempre fatto il tifo.

l’avventura cosmos

—  

Nel 2017 aveva invece acquistato i New York Cosmos, la gloriosa franchigia in cui avevano giocato Pelé, Chinaglia e Beckenbauer e molte altre stelle dell’epoca, salvandoli dal fallimento insieme alla Nasl, la Lega in cui militavano. Ma la Nasl si era poi sciolta nel 2018 e adesso Commisso è in causa (dispendiosissima dal punto di vista legale) con la federcalcio Usa, accusata di non essere imparziale e favorire soprattutto la Major League Soccer.


Link ufficiale: gazzetta.it