“Dominato per tutto il primo tempo. Fatto un altro passo avanti”


Roberto Mancini, c.t. dell’Italia. LaPresse

Roberto Mancini, c.t. dell’Italia. LaPresse

Un’Italia che mostra notevoli progressi dal punto di vista del gioco, soprattutto nel primo tempo, ma non riesce a trovare la via del gol. Contro il Portogallo, in un San Siro strapieno, finisce 0-0, un risultato che estromette gli azzurri dalla corsa al primo posto nel proprio girone di Nations League. “Nel calcio fare gol è un particolare importante – ha esordito Roberto Mancino nell’intervista post partita -. Credo che abbiamo disputato un’ottima prestazione, il primo tempo è stato dominato. Intorno al 70’ siamo calati, ma era normale che accadesse dopo aver fatto così tanto nel primo tempo, perché le occasioni ci sono state. Bisogna fare qualcosa in più per andare a segno”

passi avanti
“Secondo me ci sono stati passi avanti rispetto alla partita con la Polonia – ha proseguito il c.t., convinto che la squadra è sulla strada giusta -. Il Portogallo è superiore ai polacchi, e noi ci siamo comportati bene, disputando un’ottima gara”. Resta il rammarico per la gara di andata persa a Lisbona: “Mi sono sentito in quel momento di giocarla in quel modo”. Un’ultima battuta su Chiesa, forse servito troppo poco: “Dovevamo cambiare gioco più spesso, quando ha toccato il pallone lui abbiamo creato la superiorità”.


 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it