donna decapitata davanti alla figlia di 3 anni


“Ho parlato con Dio e mi ha ordinato di ucciderla perché non si era pentita”. Con queste parole Timothy Hernandez, un uomo di 32 anni, avrebbe motivato l’omicidio della sua compagna. Una donna, Vanessa Cons, che è stata da lui decapitata davanti alla loro bambina di tre anni. A ricostruire la terribile vicenda, avvenuta nello Stato americano di Washington, sono i media locali. Secondo quanto emerso, pochi istanti dopo il brutale delitto l’uomo avrebbe anche invitato la figlioletta ad “andare a salutare la mamma”. E infatti la bambina stessa avrebbe confermato alla polizia di aver visto quanto accaduto. “Ho visto papà tagliare la mamma con le forbici”, avrebbe detto la piccola ai poliziotti aggiungendo che non sapeva perché la mamma “aveva gli occhi chiusi e il sangue sul volto”. Le forbici descritte dalla bambina, in realtà, erano un coltello da macellaio che Hernandez ha usato per ammazzare la compagna.

Alla polizia arrivata sul luogo del delitto l’uomo ha subito confessato e raccontato i dettagli del suo gesto. Da quanto emerso, il trentaduenne avrebbe dato la possibilità alla compagna di “pentirsi” per non aver seguito la parola di Dio, ma lei avrebbe rifiutato scatenando l’ira omicida dell’uomo. “Non sono un pazzo, altrimenti non vi avrei raccontato tutta la verità”, avrebbe detto Hernandez alla polizia. Ora l’uomo è accusato di omicidio di primo grado e la sua cauzione è stata fissata in un milione di dollari. “Sembra un brutto sogno”, ha scritto la sorella di Vanessa sui social. “Era una persona molto amorevole, che ha sempre messo al primo posto i suoi figli”, ha aggiunto incredula.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/