“Donnarumma futuro azzurro, ma oggi Sirigu ha qualcosa in pi”


Il suo Toro gli ha dato finora la pi grande gioia della stagione, ieri al Ferraris: un 4-1 alla Samp che sta come un pieno di entusiasmo e autostima. Soddisfatto Urbano Cairo, che predica calma: “Sono chiaramente contento, per come la squadra si espressa, per Belotti e i suoi gol, ma ora rimaniamo tranquilli e non esaltiamoci: dobbiamo dare continuit a questa vittoria”. Il giorno dopo il blitz di Genova, il presidente granata ha fatto il punto intervenendo alla trasmissione radiofonica Tutti convocati su Radio 24.

il numero uno
Si parte dai numeri uno. E in questo caso dal numero uno: Salvatore Sirigu. “Secondo me uno che sta facendo un bellissimo campionato ed un giocatore fortissimo e straordinario Sirigu – ha commentato Cairo -. Ieri ha parato il 4 rigore su 5 nel 2018 (ieri Sirigu si opposto a Quagliarella, ndr) ed una sicurezza incredibile. Oggi vedo che gioca Donnarumma in Nazionale, per carit sar il futuro dell’Italia ma oggi Sirigu ha qualcosa in pi. Questo lo dico indipendentemente dal fatto che sia il mio portiere. Ha grandi capacit di dare sicurezza alla difesa, ha una grande maturit. Volevo citare in particolare Sirigu perch secondo me straordinario”.


da belotti a djidji
Il Toro ha giocato a Genova quasi la partita perfetta, “bene, molto bene, 7+, pu anche essere pi alto ma voglio rimanere con il profilo basso”, la valutazione di un Cairo che si sofferma poi su alcuni giocatori del Toro che lo stanno impressionando in questa prima parte della stagione. “Belotti ricordo che anche alla prima stagione da noi, face un anno non molto prolifico, poi si sblocc nel girone di ritorno. Secondo me Belotti far un campionato eccellente, ne sono convinto. Anche Baselli e Meit stanno facendo bene. E mi sta piacendo parecchio Ola Aina. Sta dando dei segnali forti. Tutta la difesa comunque sta facendo bene: da Izzo a Nkoulou anche Djidji quando stato chiamato in causa ha fatto benissimo”.

striscioni e heysel
Impossibile non parlare degli striscioni della vergogna, quelli esposti dai tifosi della Juventus nel derby del 24 febbraio 2014 inneggianti la tragedia di Superga. “Per quel che riguarda gli striscioni, mi sono gi espresso chiaramente in pi occasioni – sottolinea il presidente del Torino, Urbano Cairo -. Per quanto riguarda le vittime dell’Heysel anche quella una pagina triste, che ha generato commozione. Non esiste che delle persone che vadano a vedere una finale e tifare la propria squadra possa fare una fine cos triste e brutta per una cosa che dovrebbe essere solo divertimento. E’ una tragedia che ha scosso tutti, anche se successo anni fa. Va sempre ricordata con grande rispetto e va fatta una preghiera per i periti”.

la var
Le ultime considerazioni sono sul tema arbitrale e sull’utilizzo della Var: “Secondo me deve essere aumentata la una frequenza di visione della Var – conclude Cairo -. So che ci sono dei protocolli che devono essere rispettati a livello internazionale, non possiamo prendere decisioni a livello individuale in Italia. Ma questo aspetto va rivisito. La Var uno strumento importante che, dato che c’, deve essere consultato. Secondo me non ci sono cos tanti momenti dove necessario l’uso, ma quando ci sono dei dubbi giusto che sia utilizzato. E’ a tutela dell’arbitro controllare la videoassistenza nei casi dubbi, visto che lui che ci mette la faccia in caso di errori”.

 Mario Pagliara 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it