dopo la Juve si preso pure l’Argentina



Sta nascendo un Paulo nuovo, pi grande e non solo per la carta d’identit. Pi maturo e, quindi, pi altruista: la Signora lo sa ed pronta a spalancargli la porta perch lo vuole sempre pi alla tavola del re. Paulo Dybala, fresco 25enne, si preso la Juve da tempo: adesso si sta prendendo pure l’Argentina, come confermano le notizie dall’altro lato del mondo. Non ancora arrivato il primo gol in Nazionale, atteso come pochi altri, ma cresciuto il minutaggio e le prestazioni si sono fatte assai pi solide. Quell’assist sfornato venerd notte per il vantaggio di Funes Mori contro il Messico nella “sua” Cordoba stato il certificato di questo cambiamento: Dybala non ormai solo un goleador, ma un attaccante “totale”. Si muove ovunque, svuota l’area per lasciare campo libero agli altri corazzieri, cerca di imbucare per mandare a segno i compagni. Cristiano Ronaldo e pure Mario Mandzukic lo stanno imparando con il passare delle partite: nel tridente creativo di Allegri, una delle chiavi di questo inizio super dei bianconeri, Dybala l’attaccante pi imprevedibile. E anche il pi “europeizzato”: con quattro centri, il miglior marcatore della Juve in Champions.

terrazza di casa
Nella notte tra marted e mercoled si rigioca Argentina-Messico, ma due notti fa tutti i riflettori erano puntati su di lui, la Joya di casa. Cordoba, la citt vicina a Laguna Larga in cui Paulo ha iniziato a masticare calcio da bambino, l’aveva riempito di aspettative gi dalle settimane passate: messaggi continui dagli amici mai scordati. Dybala sperava di farli felici, di sbloccarsi proprio a Cordoba dopo 17 apparizioni in albiceleste e, invece, si accontentato di un assist prezioso. Le presenze senza gol iniziano a diventare parecchie, ma nessun se ne preoccupa davvero nella Seleccion: questo Dybala che gioca per gli altri promette bene in una squadra senza Messi. Il feeling con la citt, invece, resiste, anzi cresce: oggi Paulo ha fatto il pieno di selfie visitando alcuni bambini nell’ospedale infantile di Cordoba. Ha ricevuto una visita in ritiro della fidanzata Oriana (proprio nel giorno in cui la sua ex Antonella ha lanciato bordate in tv dall’Italia: “L’ho lasciato perch mi tradiva, le mie amiche l’avevano visto con un’altra…”) e poi via all’allenamento nello stadio dell’Instituto di Cordoba, la squadra da cui nel 2012 lo prelev il Palermo tra mille attese (tutte mantenute). aperto a 15 mila bambini della citt, molti vestiti con una 21 albiceleste (la 10 ancora di stretta propriet di Messi): “Sar come stare nella terrazza della mia casa, questo per me questo campo”, ha detto Paulo.


 cont. 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it