è in carcere in Germania


Trovato il padre dei bimbi uccisi da una detenuta a Rebibbia: è in carcere in Germania



E’ stato rintracciato dai carabinieri e dall’Interpol e si trova in un carcere della Germania il nigeriano Ehis E., padre dei piccoli Faith e Divine che la madre Alice Sebesta (una 33enne tedesca di origine georgiana) ha ucciso scaraventandoli per le scale del nido della sezione femminile del carcere di Rebibbia.

I magistrati della Procura di Roma, che procedono per il reato di duplice omicidio e che hanno inoltrato questa mattina al gip Antonella Minunni la richiesta di convalida dell’arresto, stanno accelerando i tempi per ottenere al più presto il consenso dei genitori all’espianto degli organi di Divine per il quale ieri è stato confermato lo stato di morte cerebrale all’ospedale Bambino Gesù. Ieri, attraverso gli organi di informazione, il procuratore aggiunto Maria Monteleone e il pm Eleonora Fini avevano lanciato un appello per trovare il nigeriano di cui non si avevano più notizie da tempo. 

Il 18 settembre scorso il gesto della donna. Morti poco dopo i due bamini: uno, un neonato di sette mesi è morto, l’altro, un bimbo di due anni, è in codice rosso e ricoverato al Bambin Gesù dove i medici stanno tentando di salvarlo. “Adesso i miei figli sono liberi, gli ho dato la libertà”, aveva detto al suo avvocato dopo il gesto. 

Cosa è successo a Rebibbia: le immagini delle telecamere

Il Messaggero aveva raccontato la sequenza delle immagini, riprese dalle videocamere di sorveglianza: La sequenza ripresa dalle telecamere di videosorveglianza interne alcarcere e cristallizzata dal racconto di due testimoni è agghiacciante: Alice Sebesta, 33 anni, detenuta a Rebibbia per traffico di stupefacenti, spinge la carrozzina in cui riposa Faith, la figlioletta di appena 6 mesi, mentre per mano tiene il bambino più grande, di un anno e 7 mesi. Le altre mamme sono in fila per il pranzo, lei invece che non familiarizza e non parla l’italiano, prende le scale che conducono all’area verde con i giochi per i piccoli della sezione nido. In un attimo si consuma la follia, senza precedenti: Alice sbatte il più grande contro il muro, poi spinge la carrozzina con forza, scaraventa entrambi giù dalla tromba delle scale, volano per due piani, per Faith non c’è scampo, muore sul colpo”.

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




LINK UFFICIALE: https://www.agi.it/cronaca/rss