ed ora in zona Europa


Bruno Alves esulta dopo il gol del 2-0 al Sassuolo. Lapresse

Bruno Alves esulta dopo il gol del 2-0 al Sassuolo. Lapresse

Appena tre anni fa ripartiva dalla Serie D subito dopo l’inferno estivo del crac societario di Ghirardi e Leonardi. Oggi, per, il Parma, agli occhi di tutti (addetti ai lavori e non…) non pu pi essere considerata solo la neopromossa con l’obiettivo della sopravvivenza nel massimo campionato. Oggi il Parma di D’Aversa molto di pi: la squadra leader dell’Emilia (perch il sorpasso ai danni del Sassuolo si concretizzato nel lunch match), lo spauracchio delle big (chiedere all’Inter ), ma soprattutto la sorpresa del nostro campionato: 20 punti, sesto posto in classifica, piena zona Europa, guarda dall’alto le pi accreditare Roma, Atalanta, Fiorentina e Torino e soprattutto continua a sognare in grande.

assalto al 5 posto
Gi, perch a questo punto niente precluso ad una squadra in grado di passare dall’inferno al paradiso calcistico attraverso una scalata ininterrotta dalla D alla A: tre promozioni consecutive e una voglia matta di non fermarsi proprio ora. Soprattutto perch le notizie che arrivano dall’Olimpico di Roma parlano di un Milan raggiunto in extremis dalla Lazio e di un quinto posto che non pare pi un miraggio. E che forse, per un segno del destino, possibile gi raggiungere domenica prossima a San Siro dove andr in scena lo scontro diretto tra rossoneri e crociati. Che a questo punto avranno una voglia matta di dimostrare che “non pu piovere per sempre…”.


 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it