Elezioni Alto Adige, vince l’Svp ma è boom della Lega a Bolzano


Resistono gli autonomisti dell’Svp che confermano i loro obbiettivi della vigilia ma la grande sorpresa è la Lega che ottiene un boom di consensi a Bolzano città affermandosi come terzo partito in provincia. Sono questi i risultati delle elezioni provinciali  in Alto Adige svolte ieri insieme a quelle del Trentino i cui risultati si sapranno oggi in giornata. Per il Südtiroler Volkspartei è stato uno scrutinio difficile visto che fino all’ultimo si è temuto un tracollo sotto il 40 % ma alla fine il partito storico sudtitrolese è riuscito ad ottenere il 41,9%, dei consensi, sopra l’obiettivo del 40% indicato nei giorni scorsi dal governatore Arno Kompatscher ance se decisamente sotto i fasti degli anni precedenti.

Per il secondo posto se la sono giocati la Lega che però poi si è fermata all’11,1% e la lista civica dell’ex grillino Paul Koellensperger che alla fine si è imposta con il 15,2% dei consensi. Seguono i Verdi (6,8%), il Freiheitlichen (6,2%), il Sued Tiroler Freiheit (6%), il Pd (3,8%), il M5S (2,4%). Per il Carroccio però grande affermazione a Bolzano dove ha ottenuto il 27,8% dei voti imponendosi come primo partito. un risultato oltre le attese che ha fatto esultare il leader Salvini. “Dati incredibili dalla Provincia di Bolzano! Nel 2013 la Lega, insieme a Forza Italia, prendeva solamente il 2,5% dei voti. Oggi per ora siamo (da soli!) sopra il 15%. I voti veri, i cittadini, gli Italiani, non ascoltano professoroni, giornaloni, criticoni e burocrati europei, ma chiedono alla Lega di andare avanti con forza.
Per me sarà un onore proseguire, con coraggio e determinazione, sulla strada del cambiamento” ha scritto il vice premier.

Esulta anche l’ex pentastellato Köllensperger che ha commentato: “Non posso permettermi altri cinque anni seduto tra i banchi del consiglio a guardare la Svp governare senza opposizione. Quella che dovrebbe essere una minoranza assume il ruolo di maggioranza e non è mia intenzione fare lo zerbino, come il Pd”. A questo punto gli scenari per formare un nuovo consiglio provinciale sono decisamente cambiati rispetto al passato e il SVp dovrà trovarsi un nuovo partner dopo il tracollo del Pd. Anche a Trento, dove lo scrutinio avverrà stamattina, il favorito è Maurizio Fugatti, il sottosegretario leghista ha riunito intorno a sé un’ampia coalizione con tutto il centrodestra e diverse liste civiche. Le elezioni in Trentino alto Adige hanno fatto segnare una percentuale del 73,9%, nella provincia di Bolzano con un -3,8% rispetto alle elezioni precedenti, mentre in provincia di Trento, l’affluenza è cresciuta dell’1,23% attestandosi al 64%


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/