era in auto nei boschi


Un ragazzo americano di 14 anni è stato ucciso da un proiettile vagante esploso da un gruppo di tiratori al bersaglio. Zackary Kempke, di North Ogden, nello Utah, è stato colpito alla testa ed è morto sul colpo, mentre era seduto sul sedile posteriore della vettura di casa e percorreva i sentieri di Monte Cristo domenica. Il papà era al volante con la moglie al fianco e la sorella vicino al fratellino. Secondo quanto riferito agli investigatori, l’uomo che ha sparato e i testimoni hanno affermato di non sapere della presenza di una strada nella valle e di non aver visto l’auto passare a causa dei grossi cespugli e degli alberi della zona: “Sembra si sia trattato di un atto involontario. Quando l’indagine sarà completata, tutte le informazioni e le prove saranno consegnate al procuratore per eventuali accuse”. Le autorità hanno riferito che al momento non è stata formulata nessuna accusa.

“Sono andati a fare un giro per fotografare le foglie che cambiano colore in questo periodo quando hanno sentito un’esplosione sul sedile posteriore”, ha detto lo zio Cory Hopkins a NBC News martedì. “Quando mio cognato si è voltato, ha visto che suo figlio era in braccio a sua figlia e c’era sangue dappertutto“. Dopo un po’ la famiglia si è accorta di quel gruppo di persone che sparava bersagli a poche centinaia di metri di distanza. “La persona coinvolta e i testimoni hanno affermato di non sapere che c’era una strada e di non riuscire a vedere il veicolo a causa della fitta vegetazione e degli alberi”, ha scritto lo sceriffo Dale Stacey dell’ufficio di Rich County su Facebook. “Era un comico, gli piaceva far ridere la gente – aggiunge lo zio Cory a proposito di Zackary- Ma aveva un lato serio. Era molto spirituale, un bravo ragazzo orientato alla famiglia”.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/