Europa League, il giallo del gol di Cutrone. La decisione definitiva della Uefa


 Patrick Cutrone, attaccante del Milan. Getty

Patrick Cutrone, attaccante del Milan. Getty

Dalla serata gi hitchcockiana di San Siro, coronata dalla rimonta sul Dudelange a suon di manita dei rossoneri, rimane un altro mistero. Siamo al 66′. Il Milan sotto 2-1. Parte un traversone dalla trequarti di Calhanoglu. In area il solito Cutrone cerca di liberarsi dalla marcatura di Stelvio che maldestramente devia la palla in rete, alle spalle di Bonnefoi. I rossoneri agguantano il pareggio: Cutrone esulta e va prendersi il pallone in porta per velocizzare la ripresa del gioco, Stelvio si dispera. Fino a qui niente di strano. I tabellini degli statistici si colorano di rosso: autogol del difensore portoghese.

dietrofront
A fine partita la Uefa, per, ufficializza il gol attribuendolo a Cutrone. Ed lo stesso attaccante rossonero a chiarire la situazione in tv: “Il secondo gol non mio, non l’ho toccata”. La Uefa, allora, fa dietrofront e cambia idea: non doppietta di Cutrone, bens autogol. Poco importa al gioiellino di Gattuso: con il gol del momentaneo 1-0 salito a quota 8 in Europa League. lui il miglior marcatore della storia rossonera nella competizione.


 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it