gol di Kucka e Meggiorini


L’azione del gol di Kucka. Lapresse

L’azione del gol di Kucka. Lapresse

Il pareggio, giusto per quello che si visto, un passettino per il Parma verso la salvezza e la dimostrazione che la dignit e l’orgoglio sono qualit che appartengono al Chievo. La squadra di Di Carlo, gi retrocessa, non molla un centimetro, s’impegna, suda, lotta e si guadagna un punto che un premio per l’interpretazione della sfida. Ci si aspettava di pi dal Parma, diciamo la verit, ma considerata la sconfitta dell’Empoli ieri a Bologna va bene tornare a casa con questo pareggino.

CALCI DA FERMO
Per lunghi tratti si gioca a tamburello: pallone che viaggia sopra le teste dei giocatori e nessuna azione a terra. Il Chievo parte cercando qualche fraseggio, ma dopo una ventina di minuti di spegne: e in questo scorcio di partita mai riesce a impensierire Sepe. Il Parma, sornione, esce dalla tana e conquista metri su metri. A centrocampo sfrutta la superiorit numerica e comincia a spingere sulle fasce con Gazzola a destra e, soprattutto, con Dimarco a sinistra. I calci piazzati, si capisce subito, possono essere l’apriscatole della sfida, e la squadra di D’Aversa maestra in questa specialit. Prima Bastoni (minuto 33) sfiora la traversa con un colpo di testa da calcio d’angolo, poi al 38’ Kucka timbra il gol con una zuccata imperiale. Il Chievo sembra tramortito.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

INGRESSO
L’intervallo trasforma la squadra di Di Carlo che si presenta nella ripresa con piglio molto pi aggressivo. Adesso il Parma a boccheggiare. Prima Meggiorini va in gol all’11’, ma l’arbitro annulla dopo un lungo consulto Var per un fuorigioco di Barba che disturba l’intervento del portiere Sepe. E poi sempre Meggiorini a timbrare la rete del pareggio su perfetto cross di Vignato dalla sinistra. Il Chievo spinge forte, anche perch Di Carlo ha inserito Pellissier e il gioco offensivo ne ha tratto un evidente vantaggio. Gli emiliani non riescono mai a ripartire, Gervinho pare stanchissimo, Siligardi non lo aiuta mai, i centrocampisti girano a vuoto. E’ di Barba l’occasione migliore, ma Sepe gli dice no al minuto 28. I cambi, nel finale, non spostano l’equilibrio.

Dal nostro inviato Andrea Schianchi 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it