gol di Mandzukic su assist di Cristiano Ronaldo


Dentro a uno stadio commosso che canta il nome di Luca Vialli, la Juve d uno scossone alla sua marcia europea: qualificazione agli ottavi, anche se il primo posto passa ancora dall’ultima partita del girone con lo Young Boys. L’1-0 con il Valencia, arrivato senza strafare e con un filo di gas, conferma, per, una delle tante note liete della stagione: i bianconeri si fondano sempre di pi sulla forza dei due dioscuri davanti. Mandzukic, autore del gol vittoria, forse quello che pi se la sta spassando in questa nuova era. Sfrutta lo spazio che gli lascia Ronaldo e si gode pure i cross alieni: da uno del fenomeno arriva il tocco croato che consente alla Juve di centrare il primissimo obiettivo stagionale.


impantanati
Il 4-3-caos, come da definizione allegriana, la nuova tendenza per la stagione autunno-inverno: la Juve di Max si specchia in quei tre davanti e nel loro caos creativo perch Dybala, Mandzukic e Cristiano occupano sempre zolle diverse e tolgono riferimenti al Valencia. Marcelino, per, dai suoi pretende ordine e disciplina, cos le linee del 4-4-2 sono piuttosto strette, con i terzini bassi Gay e Wass schiacciati spesso sui centrali, e Kondogbia uomo d’ordine. Nel primo tempo Ronaldo prende la mira e, come sempre, tenta come un ossesso la conclusione dalla sinistra: pi pericoloso, invece, nelle volate sulla fascia con le quali attira come magneti almeno due valenciani. Pure Dybala in uno stato psico-fisico di eccellenza: difende palla col coltello e apre il gioco col fioretto. Un suo sinistro dolcissimo ma tagliente, poco dopo il 20esimo, squilibra completamente la difesa attenta dei valenciani: Alex Sandro sbaglier il cross, ma un segnale da afferrare. I bianconeri possono costruire cos, con un palleggio svelto finalizzato all’allargamento delle fitte linee nemiche. A turno, da dietro, anche Bonucci e Pjanic si dilettano in lanci precisi, soprattutto per Matuidi e Alex Sandro. Ma anche Cancelo ha l’argento vivo addosso e, smarcato da Bonucci di tacco, cerca al 41′ un esterno destro geniale che esce di poco.

la scossa
Un controllo sbagliato, un ultimo passaggio infelice, un cross che viene tolto dalla testa di Mandzukic da quel lungagnone di Diakhaby: nel complesso, senza ammazzarsi di fatica e con un ritmo lentino, sembra che la Juve sia sempre l per essere pericolosa davvero. Che sia solo una questione di dettagli a impedirle di brindare. Ma alla fine, per, si rischia la beffa perch sull’ultimo calcio d’angolo del tempo proprio il lungagnone ad arrampicarsi anticipando Ronaldo: Szczesny risponde con una delle pi belle parate da quando veste di bianconero e stravince la sfida con Neto tra ex riserve di Buffon. una sveglia, un pizzicotto nel costato di Allegri: se non si ritrova un po’ di cattiveria, la beffa dietro l’angolo.

la svolta
Per seminare incertezze nell’ordine valenciano servirebbe qualcuno che salta l’uomo e Max lo mette subito dopo l’intervallo: fuori Alex Sandro e dentro Cuadrado, con slittamento di Cancelo che anche a sinistra dimostra di trovarsi a suo agio. E da una combinazione mancina tutta portoghese salta il tappo del match: Cancelo libera Ronaldo che lavora la palla con il solito gioco di prestigio e taglia un cross radente per il pi semplice dei tap-in di Mandzukic. In questa epoca “Cristiana” il croato si scopre sempre pi goleador, sfruttando le attenzioni che le difese avversarie sono costrette a riservare all’alieno. Anche Marcelino fa la sua mossa all’intervallo e toglie il gioiellino Rodrigo, poco pi che una comparsa fino ad allora, per il francese Gameiro. In realt gli spagnoli sussultano solo per un gol annullato per manata dell’onnipresente Diakhaby (ammonito) e sono costretti a cambiare anche la seconda delle due punte: via Santi Mina, dentro Batshuayi. Effetto nullo, qualche mischia appena, anzi a sinistra i bianconeri sfondano ancora e ancora: Neto, ex col dente avvelenato, salva prima su Ronaldo e poi su Mandzukic. Con l’1-0 finale la strada segnata e qua tutti vorrebbero fare un regalo a Gianluca Vialli: renderlo il penultimo capitano ad aver alzato quella coppa.

Dal nostro network – Bonucci: “L’importante era superare il turno”
Dal nostro network – Chiellini: “Champions? Ci pensiamo da gennaio…”

Dal nostro inviato Filippo Conticello 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it