gol di Zielinski, Milik (2) e Ounas


Vittoria netta per gli azzurri a Parma. Afp

Vittoria netta per gli azzurri a Parma. Afp

Il Napoli ritrova gol, entusiasmo, vittoria e autostima. Tutte cose che in trasferta non accadevano dallo scorso anno, 16 dicembre a Cagliari. Da quell’1-0 in Sardegna (gol di Milik al 90’ su punizione) il Napoli si era un po’ perso. Prima la sconfitta 1-0 con l’Inter poi 0-0 ancora a San Siro col Milan. E poi sempre 0-0 a Firenze, quindi stesso risultato anche al San Paolo col Torino. E il mal di gol che montava nella testa degli azzurri.

TRAZIONE POLACCA
Tutta un’altra storia a Parma, dove D’Aversa non riesce a opporre grande resistenza al Napoli. Che affonda soprattutto a sinistra dove Iacoponi appare debole e lo diventa ancor di pi perch Machin (preferito a Barill) copre poco e Biabiany resta un po’ guardare. Peccato che i migliori palloni capitano sul sinistro di Hysaj (Ancelotti lo sceglie facendo riposare Ghoulam) che dovendo passare il pallone sul suo piede, il destro, perde un tempo di gioco. Zielinski per fiuta quegli spazi e riesce a inserirsi sempre con maggiore efficacia. E cos quando al 19’ Hysaj si contorce di destro per servire di prima il compagno ecco che Zielinski come coltello nel burro affonda nell’area parmigiana e di destro piazza il pallone dove Sepe non pu arrivare e Bruno Alves in ritardo si vede infilato in tunnel. Il Napoli ora gioca pi leggero, mentre il Parma non riesce a salire. Perch Inglese risulta macchinoso e Gervinho non riesce mai ad accelerare, anche perch Malcuit lo segue efficacemente a uomo in ogni angolo di campo. S perch Ancelotti discepolo di Sacchi, ma fino a un certo punto. Il Napoli tiene i padroni di casa negli ultimi venti metri. E cos quando Gagliolo atterra al limite dell’area Milik lo stesso polacco a battere la punizione. Siparietto: Ancelotti chiama Koulibaly che corre verso Milik a riferire il messaggio del tecnico. La barriera salta: che Arek batta rasoterra. Il polacco esegue alla perfezione – modello Rivaldo al Milan – e cos Milik festeggia il suo terzo gol su punizione diretta (record del campionato) andando ad abbracciare e ringraziare Ancelotti.


NIENTE RIGORE
Nella ripresa con Siligardi al posto dello spento Machin, il Parma ci mette almeno un po’ di intensit. E in un’azione confusa in area Malcuit, nel tentativo di rinviare, prende la gamba di Bruno Alves: Chiffi fischia il rigore ma poi viene richiamato dal Var Di Bello. Un attimo prima Callejon subisce fallo da Gagliolo cos Chiffi assegna la punizione a favore del Napoli. Ancelotti per un po’ nervoso in panchina e urla ai suoi che perdono attenzione sbagliando passaggi elementari e lasciando spazio a un Parma che ci prova.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

ASSIST BIABIANY
Ma nel momento migliore degli emiliani ecco la cappellata di Biabiany, che da centrocampo effettua un inspiegabile passaggio all’indietro tramutatosi un assist per Milik che sgancia il suo sinistro preciso senza che Bruno Alves vada oltre l’osservazione. Partita chiusa ma risultato che diventa pesante per il Parma con gli ultimi due entrati, Verdi e Ounas, che confezionano il quarto gol. Evidente la debolezza del Parma, ma stavolta il Napoli almeno si ritrova sulle cose che sa fare meglio. Gli scambi in velocit negli ultimi venti metri. Ritrovano fiducia gli attaccanti, l’unica faccia triste quella di Mertens: lui non fa gol dall’anno scorso e la porta non l’ha “vista” neppure stasera.

Dal nostro inviato Maurizio Nicita 

© riproduzione riservata




Link ufficiale: gazzetta.it