Guardiola: “Non andrò alla Juve. Rimango al Manchester City” – La Gazzetta dello Sport


Nonostante l’indagine Uefa sul fairplay finanziario, l’allenatore dei citizens chiude le porte ai bianconeri

Con l’annuncio del divorzio fra Massimiliano Allegri e la Juventus è cominciato ufficialmente il toto nomi per il successore dell’allenatore livornese. Fra le possibilità più accreditate per la panchina bianconera era circolato anche il nome di Pep Guardiola, attualmente tecnico del Manchester City fresco di vittoria della Premier League. Ma durante la conferenza stampa di rito per la finale di FA Cup contro il Watford, l’ex tecnico blaugrana ha chiuso le porte a un suo arrivo a Torino: «Non andrò alla Juve o in Italia – le parole dello spagnolo.- Ho ancora due anni di contratto e non mi muoverò. Sono soddisfatto qui, non andrò da nessuna parte. Nella prossima stagione sarò l’allenatore del Manchester City».

L’indagine

—  

I contatti tra Paratici e il fratello-procuratore di Guardiola si erano intensificati dopo l’apertura dell’indagine Uefa sul Manchester City per presunte violazioni del fairplay finanziario: stop al mercato ed esclusione per un anno dalle competizioni europee sono le sanzioni possibili. Un rischio che avrebbe portato i fratelli Guardiola a guardarsi intorno per trovare altre destinazioni gradite a Pep. Ma adesso, nonostante la possibile estromissione dall’Europa, le probabilità di vedere il padre del “tiki taka” sulla panchina della Juventus sembrano sfumare definitivamente a favore di una sua permanenza a Manchester.


Link ufficiale: gazzetta.it