Ha un infarto sul campo da gioco, Giacomo Caldarola muore davanti agli occhi dei suoi calciatori


Tragedia in provincia di Ascoli Piceno, dove Giacomo Caldarola, allenatore di calcio 48 anni, ha accusato un malore ed  è morto improvvisamente sul campo di gioco di Santa Maria di Piattoni davanti agli occhi increduli dei calciatori che guidava e dei loro genitori. È successo nella serata di ieri, venerdì 9 novembre: dopo il fischio di fine partita tra la sua squadra, i Giovanissimi Santa Maria Truentina, e  l’Atletica Azzurra Colli, intorno alle 19, l’uomo ha avvertito un forte dolore al petto, poi si è accasciato e non si è più ripreso per via di un infarto fulminante, nonostante i tentativi di rianimazione effettuati dai presenti prima dell’arrivo dell’ambulanza. I sanitari del 118 hanno praticato il massaggio cardiaco per più di 20 minuti, ma per lui non c’è stato nulla da fare.

Caldarola era di origine pugliese, ma d’adozione lamense, viveva infatti ormai da 20 anni a Castel di Lama. Di professione faceva l’assistente capo coordinatore della polizia penitenziaria, mentre nel tempo libero si dedicava anima e corpo all’allenamento della sua squadra di calcio. Numerosi i messaggi di cordoglio per il mister apparsi sui social network da questa mattina. “Per molti di noi che avevano avuto il piacere di conoscerti personalmente ai vari corsi da istruttore e allenatore la notizia è arrivata come un colpo in pieno petto. Abbiamo subito pensato a che tragedia è morire così giovane e a quanto dolore ha investito la tua famiglia a cui siamo vicinissimi in questo tristissimo momento. Ti vogliamo ricordare in mezzo ai tuoi ragazzini, con la tua faccia bonaria e la battuta sempre pronta”, ha scritto l’Asd Porta Romana. Caldarola lascia la moglie e due figli di 14 e 18 anni.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/