Hamsik deluso dalla sua Slovacchia. Ma deve cambiare passo anche a Napoli


L’impresa non gli riuscita. Avrebbe voluto regalare alla sua Slovacchia la promozione nell’Europa dei grandi. Ma la sconfitta rimediata contro la Repubblica Ceca ha complicato parecchio i piani di Marek Hamsik. La sua nazionale, in Nations League rischia addirittura la retrocessione in C. Una delusione per il capitano del Napoli che domani rientrer dall’impegno europeo per mettersi a disposizione di Carlo Ancelotti. Archiviata, dunque, la parentesi nazionale, Hamsik dovr concentrarsi sul prossimo impegno di campionato. Il Napoli non pu permettersi altri risultati negativi dopo le sconfitte contro Sampdoria e Juve. Dalla trasferta di Udine, Carlo Ancelotti si aspetta segnali di conferma da parte della squadra, impegnata nell’inseguimento alla Juventus. L’impiego del capitano dal primo minuto dovrebbe essere scontato, difficilmente l’allenatore lo terr fuori in una gara cos importante per la classifica e per la continuit nei risultati.

cambiamento
Il rendimento del centrocampista slovacco ha convinto poco, finora. Di certo, Ancelotti ha capito che Hamsik non potr mai agire da metodista, che la sua intenzione iniziale stata poco indovinata e che il capitano rende meglio nel ruolo di mezzala nel centrocampo a 4. Non stato casuale il cambiamento tattico. Col 4-4 -2 la squadra ha trovato la sua identit, anche se il rendimento del centrocampista slovacco non migliorato pi di tanto. A Udine, Hamsik avr un’altra opportunit da capitalizzare, prima che il campionato entri nella fase pi intensa e Ancelotti dovr decidere su chi puntare. Fabian Ruiz resta l’investimento pi corposo dell’estate napoletana. E, tatticamente, la vera alternativa a Hamsik. Il mediano spagnolo nelle grazie dell’allenatore ed intenzionato a imporsi sul campo.


 Mimmo Malfitano 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it