Harley-Ibm: l’accordo antifurto – Corriere.it


Controllare i «dati vitali» della moto dallo smartphone, localizzarla in caso di furto, ricevere notifiche per il tagliando. Dopo la presentazione del suo primo modello elettrico, la LiveWire, Harley Davidson insiste nell’innovazione. Da marchio tradizionale, noto per l’alta componente meccanica, le moto naked e la parsimonia tecnologia, ora la Casa di Milwakee sta virando verso il digitale.

Harley-Ibm: l’accordo antifurto

Il progetto si chiama More Roads to Harley-Davidson e prevede nuovi prodotti ad alto contenuto tecnologico pensati per rendere l’esperienza di guida della LiveWire più «smart» e per fare presa sulle nuove generazioni. Grazie a un accordo con Ibm, il colosso del computing statunitense, accanto alla LiveWire il prossimo anno vedremo anche una nuova piattaforma di servizi digitali, H-D Connect. Essa sfrutta l’intelligenza artificiale (AI) fornita da potenti computer connessi alla moto senza fili, raccoglie i dati in tempo reale dalla moto e permette alla LiveWire di connettersi in autonomia ad altri dispositivi nei dintorni per aiutarci a guidare e vivere meglio la moto.

Il conducente potrà controllare i dati vitali della LiveWire in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo. Basta aprire l’app sullo smartphone per consultare in tempo reale l’autonomia residua, lo stato della batteria e il livello di carica. In più il servizio indica anche le stazioni di ricarica nei dintorni. Per stare più tranquilli, una volta disponibile H-D Connect permetterà di localizzare la posizione attuale della moto in tempo reale. In caso di furto offre una possibilità in più per ritrovarla e, a seconda dei Paesi, richiederà l’intervento delle forze dell’ordine indicando anche l’ultima posizione nota della due ruote.

Oltre al furto, l’incubo di ogni motociclista è che il suo gioiellino venga urtato, manomesso o spostato. Anche qui la due ruote a elettroni sa cosa fare: se rileverà qualcosa del genere manderà subito un avviso sullo smartphone del proprietario, proprio come se ci fosse un guardiano a presidiarla. Da ultimo, una volta attivo, H-D Connect consentirà di mettere da parte il calendario. Si potranno infatti ricevere notifiche di assistenza rilevate dalla moto stessa, come per esempio i promemoria per i tagliandi. Questi servizi arriveranno dopo il lancio della piattaforma, nell’agosto 2019. La LiveWire per ora è in «preordine» e lo sbarco sul mercato è previsto per l’autunno.

26 febbraio 2019 (modifica il 26 febbraio 2019 | 17:22)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Link ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml