i predestinati sulla via della A


Fabio Grosso e Fabio Liverani

Fabio Grosso e Fabio Liverani

Lecce-Verona è cominciata a Perugia e potrebbe finire in Serie A. Nel segno di Liverani e Grosso. Il loro nome è Fabio e sono due predestinati. Insieme nel 2000 a Perugia, avversari in campo più volte, si ritrovano contro oggi nella sfida tra due serie candidate alla promozione, pronti a rincorrere il secondo posto oggi occupato dal Palermo, curiosamente altro club dove pure hanno giocato ma in tempi diversi. Due allenatori emergenti, che stanno maturando esperienze importanti per dare un senso al loro marchio da predestinati. Sicuramente sta raccogliendo più consensi Liverani, risultati e qualità di gioco alla mano, visto il Lecce portato prima in B e adesso protagonista con il calcio probabilmente più bello della categoria. Ma anche il destino di Grosso è scritto, malgrado i fischi di Verona e una scelta di limitare la comunicazione che poco lo aiuta nel chiarire le sue idee.

MOMENTO DIFFICILEIl big match di questa sera non vede Lecce e Verona al top della condizione. Liverani — dopo aver sofferto per pareggiare a Venezia e battere in casa il Livorno — ha preso quattro scoppole a Cittadella: l’occasione per rialzarsi subito (visto il turno infrasettimanale) è da accogliere positivamente, ma visto il tipo di avversario c’è poco da star sereni, perché un altro risultato negativo potrebbe minare le certezze costruite fin qui. Invece Grosso dalla sua ha i risultati, viste le due vittorie di fila a La Spezia e in casa con la Salernitana, ma ha ancora una squadra che sembra andare al di sotto delle sue possibilità, molto scolastica, di sicuro concreta, ma non entusiasmante e trainante per una piazza molto esigente.


PROSPETTIVE Se il Brescia sembra lanciato, il Palermo ferito semina quelle gocce di sangue che attirano gli squali. Lecce e Verona (ma anche Benevento e Pescara) l’hanno messo nel mirino, per andare in A diretti. Ma chiaramente dovranno cambiare passo. Sono due ottime squadre — come organico — ma non va dimenticato che una viene dalla C e l’altra aveva una retrocessione da smaltire. Il primo round all’andata è finito a Liverani. Stasera c’è il secondo, con Grosso che deve affrontare le numerose assenze dell’ultimo minuto (da Zaccagni a Di Carmine). Poi chissà: magari ai playoff ci sarà il terzo…

I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Nicola Binda 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it