il futuro in panchina il “Made in Italy”


Steven Zhang, Luciano Spalletti e Antonio Conte nel luglio 2017 a Singapore. GETTY

Steven Zhang, Luciano Spalletti e Antonio Conte nel luglio 2017 a Singapore. GETTY

L’Inter ha deciso: se un nuovo allenatore si sieder sulla panchina di Luciano Spalletti dovr essere italiano e dovr avere un comprovato status vincente. Siamo partiti da un “se”, perch il cambio di tecnico , in questo momento, un’opzione e non una necessit. Questo non vuol dire che il club comunque non si stia guardando intorno. Per volere della dirigenza e forse anche della propriet, attenta a mantenere radici nonostante il profilo e gli orizzonti internazionali, il prossimo allenatore dovr essere rigorosamente “made in Italy”, il che sembra definitivamente chiudere la suggestione di un ritorno di Mourinho. E poi non si cambier per cambiare, ma solo se il profilo dell’eventuale sostituto sar un oggettivo upgrade, almeno a livello di vittorie in bacheca.

le opzioniChi degli attuali big della panchina ha dimostrato di poter vincere in pi luoghi e situazioni? Ancelotti, legato al Napoli, Mancini, felice in azzurro, Conte e Allegri. Maurizio Sarri, il cui nome circolato in queste settimane come altra opzione possibile, non d le stesse sicurezze. E lo stesso discorso, al di l della nazionalit, vale anche per Mauricio Pochettino. Restano Massimiliano Allegri e Antonio Conte. O meglio, resta solo l’ex c.t., a meno che le dichiarazioni di Max e del presidente juventino Agnelli non siano un clamoroso bluff post-eliminazione in Champions. Ma restano anche dei conti economici da considerare. Assumere Conte oneroso (chiede un triennale da 11,6 milioni di euro a stagione) e comporterebbe il pagamento di Spalletti per i due prossimi anni di contratto (a 5 milioni). La propriet dovrebbe essere convinta che un investimento del genere cambi davvero le prospettive della squadra nella prossima stagione. Altrimenti Zhang potrebbe non vedere i motivi per salutare un tecnico che comunque ha portato la nave nel porto richiesto.


LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SULLA GAZZETTA IN EDICOLA

 Clari-Stoppini 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it