“Il mercato chiuso. Chiesa non pensi alle voci”


Stefano Pioli, 53 anni. Lapresse

Stefano Pioli, 53 anni. Lapresse

Chi ha visto Fiorentina e Roma nell’ultimo turno di campionato sta gi pregustando uno spettacolo fatto di gol e colpi di scena. 4-3 viola a Verona, 3-3 della Roma a Bergamo. Giocate, gol, errori: successo un po’ di tutto: “Quella di Verona stata una partita particolare – inizia Pioli – siamo stati davvero bravi a vincerla in inferiorit numerica. Questo tipo di vittoria fa crescere autostima e fiducia nella testa dei miei giocatori”. Poi sulla Coppa Italia. “E’ una competizione importante, affrontiamo un grande avversario e serve una prestazione altrettanto grande. Dobbiamo saper giocare in molti modi e saper leggere le varie fasi di una gara. A volte si deve essere aggressivi, altre meglio attendere e poi ripartire. L’importante aver voglia sempre di ‘far male’ agli avversari. Poi il come va di conseguenza: una questione di mentalit che stiamo acquisendo”.

ROMA
Domani alle 18.15 viola e giallorossi si giocano il pass per la Semifinale. “La Roma vista a Bergamo ha dimostrato potenziale tecnico, aggressione e fisicit. Anche se l’Atalanta ha avuto tante occasioni quindi hanno fatto vedere che possiamo essere pericolosi. Certo hanno grandissimo talento, un bel mix tra giocatori giovani ed esperti e tecnicamente sono di altissimo livello. Giochiamo in casa, vogliamo mettere in campo una super prestazione e speriamo ci sia tanta gente nonostante l’orario. Si dice di voler valorizzare la Coppa Italia e poi si gioca in questi orari. Sappiamo che la gara secca, quindi dobbiamo essere squadra dall’inizio alla fine”.


CHIESA
Poi sull’uomo del momento. “E’ un ragazzo molto determinato conscio che la propria crescita passa dal lavoro giornaliero e dalla cura dei particolari. La sua maturazione sotto gli occhi di tutti, ma ancora non completa. Ha tanto da fare, sereno, sta bene e sa di dover lavorare ancora. Ha intrapreso la strada giusta e deve lasciar perdere tutte le voci che inevitabilmente ci sono intorno a lui. Nessuno deve pensare adesso a cosa accadr il prossimo anno. Siamo tutti concentrati solo sulla nostra realt ed in questo bravissimo. Zaniolo? Nella gara di campionato mi impression, riuscendo a reggere l’uno contro uno con Veretout. E’ un calciatore che ha forza, fisicit e tecnica. Sta dimostrando di essere tra i migliori giovani del campionato, poi come era quando giocava a Firenze non lo so. So che difficile capire tanti anni prima come pu diventare un giocatore”.

MURIEL
Il colombiano pronto a giocare nuovamente titolare. “Non ho ancora sotto controllo la sua situazione nelle tre gare in una settimana, certo in una partita in genere non si ammazza di lavoro perch ha tanto talento, deve incidere, ed giusto cos. Ha entusiasmo e convinzione, questo aiuta a recuperare velocemente dal punto di vista fisico. Ed in campo oltre alla classe ha personalit ed in grado di tenere sotto controllo le emozioni. Anche in questo ci aiuta tantissimo”.

DIFESA
Sei i gol subiti nelle ultime due gare con Sampdoria e Chievo. “Dobbiamo migliorare il lavoro sui portatori di palla avversari, questo non sempre ultimamente successo anche se molte delle reti subite sono state prese in inferiorit numerica. Domani la pressione sui loro calciatori di qualit sar fondamentale per correre meno pericoli. Milenkovic? Si allenato ed a disposizione come Laurini”.

MERCATO
“In entrata chiuso, ve l’ho gi detto, i miei direttori sono stati chiari. Zurkowski (arriver in estate) un centrocampista completo, fa bene entrambe le fasi, ha tempi di inserimento. Gli dovr essere dato il tempo necessario per abituarsi al nuovo campionato”.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

 Giovanni Sardelli 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it