Il racconto dell’incipit via alle iscrizioni al concorso legato al nuovo libro di Luigi Lo Cascio


Il primo libro di Luigi Lo Cascio ancora caldo di legatoria, insieme ad una fertile sfida per aspiranti scrittori. È stato indetto il concorso “Il racconto dell’incipit” dall’associazione A Voce Alta in collaborazione con lo Spazio Libreria Laterzagorà. Il concorso si articola sul libro di Lo Cascio, “Ogni ricordo un fiore” pubblicato da Feltrinelli.  Il romanzo è la storia di un ragazzo di nome Paride Bruno che decide di rileggere duecentoquaranta tentativi di romanzo, tutti interrotti al primo punto, e decidere cosa farne. “E allora dimmi tu da dove cominciare” è la frase più emblematica mescolata alle altre. Nel volume, edito a settembre, sono raccolti ricordi, illuminazioni, idee per iniziare, centinaia di piccole storie, racconti lampo e manifesti, come l’ultima affermazione dell’intellettuale appena ucciso:

“Nell’ultima intervista rilasciata qualche ora prima di venire assassinato dichiarò con forza e con semplicità che l’unico compito dell’intellettuale è di mostrare la notte alla luce del sole” e aforismi, semi che sembrano essere blindati in se stessi:”A un certo punto sono inciampato sulla vita che nel frattempo mi era a sua volta caduta di senso.”

Il libro di Luigi Lo Cascio è un’opera aperta alle interpretazioni, una serra letteraria a cui gli scrittori sono chiamati a partecipare per farne germogliare i fiori attraverso il Concorso dell’Associazione A Voce Alta. Gli aspiranti narratori devono scegliere un incipit del libro, e sviluppare un racconto che verrà premiato nel mese di novembre. La competizione è aperta a tutti coloro in possesso di doti narrative e immaginazione, che abbiano la volontà di cimentarsi. Il vincitore del concorso potrà avere l’onore di leggere il proprio racconto il 15 novembre durante la presentazione del libro nello Spazio Libreria Laterzagorà in cui sarà presente il grande artista siciliano e riceverà un biglietto premio per uno spettacolo al Teatro Bellini.

È impossibile non conoscere l’autore e attore Luigi Lo Cascio rimasto storico nel panorama cinematografico con il primo film interpretato “I cento passi” della regia di Marco Tullio Giordana che nel 2001 vinse il David di Donatello come miglior attore protagonista, oltre che il Globo d’oro come miglior attore rivelazione. L’attore si è cimentato nel 2012 con la prima opera da regista nel film “La città ideale”.

Il racconto inviato deve essere massimo della lunghezza di 4000 battute spazi inclusi e dovrà essere inviato all’indirizzo mpavocealta@gmail.com entro il 5 novembre. Tutti i dettagli del regolamento sono pubblicati sulla pagina Facebook dell’Associazione A Voce Alta. La partecipazione è libera e gratuita.


Link ufficiale: https://www.fanpage.it/feed/