Il vaiolo delle scimmie arriva in Europa: un contagio nel Regno Unito


Oltre 50 persone in Gran Bretagna rischiano di essere contagiate dal vaiolo delle scimmie, variante simile al vaiolo umano, dopo che nel Paese anglosassone stato diagnosticato il primo caso mai registrato in Europa. A risultare positivo un ufficiale della Marina nigeriana che si stava recando in Inghilterra per prendere parte a un addestramento militare della Royal Navy in Cornovaglia. Le autorit mediche ritengono che l’uomo abbia contratto il virus mentre era ancora in Nigeria, dove la malattia endemica.

La malattia

L’ufficiale, ora ricoverato nell’unit infettiva del Royal Free Hospital di Londra, atterrato in Gran Bretagna il 2 settembre e ha manifestato i primi sintomi appena arrivato alla base militare. Dopo la diagnosi sono state sottoposte a controlli tutte le 50 persone che viaggiavano in aereo con lui. Il virus del vaiolo delle scimmie non presenta sempre effetti immediati, ma pu manifestarsi con febbre e vomito anche due settimane dopo il contagio. La malattia simile al vaiolo, ma non altrettanto letale e i casi di mortalit variano dall’1 al 10 per cento. I genere la maggior parte delle persone guarisce in poche settimane, ma in alcuni casi p uccidere. Non esiste vaccino.

Come si trasmette

Il vaiolo delle scimmie trasmesso dai roditori ad altri animali, tra cui anche l’uomo. Gli uomini possono contrarre il vaiolo delle scimmie attraverso un morso o il contatto diretto con sangue, liquidi organici o lesioni di un animale infetto. La malattia potrebbe anche diffondersi da uomo a uomo, tuttavia molto meno contagiosa del vaiolo umano. Si pensa che il virus si trasmetta per via orale durante il contatto diretto o contatto faccia a faccia prolungato. Inoltre, il vaiolo delle scimmie, pu trasmettersi tramite il contatto diretto con i liquidi organici di una persona infetta o con oggetti contaminati dal virus quali biancheria o abbigliamento.

I sintomi

Il virus delle scimmie si manifesta con febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, brividi, linfonodi ingrossati. Solo in un secondo momento compaiono le bolle, prima sul viso e poi sul resto del corpo.

Basso rischio di contagio

Le autorit sanitarie inglesi tendono per a rassicurare la popolazione: Non si diffonde facilmente tra le persone e il rischio di trasmissione al grande pubblico molto basso. In ospedale stiamo utilizzando severe procedure di isolamento per proteggere il nostro personale e i pazienti.

10 settembre 2018 (modifica il 10 settembre 2018 | 10:48)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Link ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml