in gol Bernardeschi e Malinovskiy


Bernardeschi in azione. Lapresse

Bernardeschi in azione. Lapresse

L’Italia rimanda ancora l’appuntamento con la vittoria. La Nazionale di Roberto Mancini a secco di vittorie da 4 gare (l’ultima volta contro l’Arabia Saudita il 28 maggio) non riesce a superare l’Ucraina di Andrij Shevchenko: allo stadio Ferraris di Genova finisce 1-1 (con gol di Bernardeschi e Malinovski) una partita che ha visto gli azzurri dominare nei primi ’45 (tanti infatti i rimpianti per le occasioni non concretizzate soprattutto nella prima frazione…) salvo poi sciogliersi nella ripresa. Mancini opta per il 4-3-3 e per un tridente senza un vero centravanti con Bernardeschi, Insigne e Chiesa; a centrocampo, invece, debutto per Nicol Barella al fianco di Jorginho e Verratti. Il primo tempo a tinte azzurre con l’Italia che sfiora pi volte il vantaggio e costringe Pyatov ad almeno 4 grandi interventi (Bernardeschi, Barella, Bonucci e Chiesa). Al ’43 il gioco si ferma per un minuto di grande commozione e applausi per onorare la memoria delle 43 persone che hanno perso la vita nella tragedia del ponte Morandi lo scorso 14 agosto. Si va cos al riposo sullo 0-0. Nella ripresa il registro, almeno in avvio, non cambia perch ancora l’Italia a produrre le migliori occasioni e al 55′ passa in vantaggio con un violento sinistro da fuori area di Bernardeschi che Pyatov non trattiene. Alla prima vera occasione, per, l’Ucraina pareggia i conti con Malinovski (al 62′) che subito dopo sfiora il bis con una traversa su punizione. L’Italia allora comincia a traballare e per poco al 78′ Tsygankov non ne approfitta per realizzare il 2-1. E’ solo la sua scarsa precisione a salvare Donnarumma. Domenica per gli azzurri in programma la sfida con la Polonia in Nations League.

A BREVE IL SERVIZIO COMPLETO


 Gasport 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it