in gol Riccardi, Bouah, Eleev e D’Orazio


Alessio Riccardi festeggia il suo gol. Lapresse

Alessio Riccardi festeggia il suo gol. Lapresse

Soltanto una vittoria avrebbe tenuto viva la Roma in Youth League. E dopo due sconfitte e 7 gol subiti, il primo successo è arrivato. Con il 3-1 al Cska Mosca, la squadra di Alberto De Rossi si è rilanciata nella lotta alla qualificazione alla fase successiva: la prima di ogni girone accede agli ottavi, la seconda spareggia con una delle otto squadre provenienti dal percorso riservato ai campioni nazionali. Contro i russi, è bastato un ottimo tempo alla Roma per ipotecare i tre punti: dopo un brivido per un’occasione capitata dopo 4 minuti a Zhironkin, i giallorossi hanno sbloccato il risultato con uno splendido gol di Alessio Riccardi, il giocatore di maggior talento della Roma. Un talento dimostrato anche dal destro a giro che al 13′ non ha lasciato scampo a Zirikov. Dopo una conclusione di Cangiano deviata in angolo dal portiere russo, la Roma ha raddoppiato con un’azione da manuale, tutta in verticale: da Pezzella a Marcucci, tacco del capitano per Bouah, che è un terzino ma che si è inserito come un centravanti e ha segnato il 2-0. Prima dell’intervallo, anche una traversa di Marcucci.

brivido
La ripresa è iniziata con un grande salvataggio di Bianda su Zhironkin e con la grande occasione per Pezzella che avrebbe potuto dare alla Roma il 3-0. Dal possibile tris al 2-1 firmato da Eleev che, complice la deviazione di Bianda, ha battuto Zamarion, terzo portiere della Roma in campo al posto degli infortunati Greco e Cardinali. Il grande merito dei giallorossi è stato quello di reagire subito, tornando a +2 un minuto dopo grazie a D’Orazio, su cross da destra di Pezzella. Lo stesso D’Orazio, poi, ha sbagliato un calcio di rigore.


 Marco Calabresi 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it