Inter, dal derby al terzo posto. La rimonta di Spalletti in tre punti


La rimonta di Luciano Spalletti nei fatti. Al netto di un contratto che lo lega all’Inter fino al 2021, se vero che non giusto dare per scontata la sua permanenza – il nome di Conte non pu essere accantonato – altrettanto evidente che la posizione dell’allenatore si rafforzata nell’ultimo mese e mezzo, ovvero dalla vittoria del derby in poi. In tre punti ecco perch l’Inter pu ancora affidarsi a Spalletti per il futuro.

RISULTATI
Il 17 marzo, dopo il 3-2 al Milan, il tecnico disse: Doveva essere il mio ultimo derby, come fosse l’ultima cena…eh, mi sa che ci saranno altre cene. Spalletti sapeva che quel risultato l’aveva avvicinato sensibilmente all’obiettivo Champions. E il terzo posto attuale, se mantenuto in fondo al campionato, avr garantito comunque un passo in avanti in termini di classifica. Meglio, poi, se abbinato al raggiungimento di quota 72 punti, gli stessi di un anno fa. E in quanto alle eliminazioni dalle tre coppe – Champions, Europa League e Coppa Italia – Spalletti ha comunque buoni alibi da poter spendere: girone complicato, mercato, infortuni, rosa ristretta…


SPOGLIATOIO
In casa Inter tornato il sereno, dopo un inverno passato tra il caso Nainggolan, la richiesta di cessione di Perisic e il tormentone Icardi. Lungo tutto il periodo la societ ha spalleggiato con decisione il suo allenatore, difendendolo nei momenti pi complicati. E il tecnico ne uscito rafforzato, mostrando di saper tenere la barra dritta nella gestione dello spogliatoio. Nainggolan tornato dimagrito e decisivo, Perisic ha disputato un girone di ritorno migliore dell’andata, Icardi rientrato in squadra alle condizioni di club e tecnico, ovvero senza fascia di capitano.

SOCIET
E poi c’ il terzo aspetto: nell’Inter non c’ una maggioranza cos convinta di una svolta tecnica. Gli ultimi contatti con Conte, tra l’altro, sono ormai datati. Ovvio che l’ultima decisione sar presa in un vertice tra tutte le parti in causa, tecnico a dirigenza al completo, una volta ottenuta la qualificazione Champions, incontro durante il quale verranno toccati tutti gli argomenti caldi dell’ultima stagione. Ma nel frattempo la corsa a Conte potrebbe essersi gi decisa. Ed altrettanto chiaro che Spalletti potrebbe essere avvicendato solo da un tecnico top. Resta un nodo, in ogni caso: chi convince Zhang che giusto impegnarsi economicamente per mandare via un tecnico al quale solo otto mesi fa stato allungato il contratto?


Link ufficiale: gazzetta.it