Inter, promossi e bocciati della stagione: da Handanovic e Skriniar fino a Perisic e Joao – La Gazzetta dello Sport


Bilancio positivo anche per De Vrij, Politano e Lautaro, negativo per Icardi, gli esterni difensivi e Candreva

La promozione di squadra è arrivata all’ultima interrogazione di recupero, vediamo com’è andata per i singoli in questa strana annata.

Promossi

—  

L’elenco dei buoni non può che partire da Samir Handanovic: voti alti, nuovo ruolo di capoclasse, contributo pesante anche a livello di punti, dopo lo scivolone della seconda giornata. Samir miglior portiere della Serie A e migliore dell’Inter in stagione. Promossa senza esitazione anche la coppia centrale SkriniarDe Vrij: lo slovacco si candida al ruolo di leader del futuro e idolo dei tifosi, l’ex Lazio più decisivo di quanto non sembri a prima vista. A centrocampo la certezza (o quasi) è stata Marcelo Brozovic: nei mesi autunnali/invernali a lungo è stato il regista che faceva girare la squadra, oltre che recupera-palloni. Coinvolto nel calo finale, ma senza intaccarne la sufficienza generale. Per Vecino bastano i gol nelle partite importanti (derby e Tottenham) e una risalita finale. D’Ambrosio con due salvataggi miracolosi (derby e Empoli) ha fatto dimenticare qualche cross sbilenco di troppo, Politano è stata la forza della continuità, senza picchi ma un ruolo da quasi-intoccabile. Chiudono la lista dei promossi Lautaro, il cui primo anno nel mondo Inter è stato più che positivo, lasciando ben sperare per il futuro, e Radja Nainggolan. Il belga ha riscattato col finale in crescendo e con il gol da 50 milioni una stagione martoriata dagli infortuni.

Rimandati

—  

Per Andrea Ranocchia “tornare a settembre” è un grande successo: partiva indietro nelle gerarchie, si è guadagnato più in spogliatoio che in campo una nuova possibilità. Miranda la cercherà altrove: a lungo affidabile, qualche errore di troppo in gare cruciali, in sofferenza nel ruolo di “panchinaro”. Troppe assenze per Keita Balde per garantirsi un 6 in pagella: all’ultima recita prima brilla, poi stecca con quel fallo sul portiere con poco senso. Borja Valero ha invece giocato più del previsto: la qualità resta, ma ha raggiunto i limiti di età, a ritmi alti. Fra i rimandati anche Asamoah, protagonista di fasi di alti e cadute in basso: il ricongiungimento con Conte lo può aiutare a risalire.

Bocciati

—  

Guidano il gruppo, senza dubbio, Mauro Icardi e Ivan Perisic: il deficit di gol rispetto allo scorso anno è un dato che parla da solo. Ma oltre ai numeri i due si sono resi protagonisti di intemperanze comportamentali e atteggiamenti “svogliati” per cui si è reso necessario più volte un viaggio dal preside. Gli esterni difensivi si confermano ruolo complesso per l’Inter: bocciati Vrsaljko per problemi fisici, Dalbert per rendimento sotto possibilità e Cedric che praticamente non si è mai visto. Poco spazio e pochi squilli per Gagliardini, che avrà comunque altre possibilità, stagione di declino per Candreva, giusto un paio di mesi degni di nota per Joao Mario. Il portoghese poi è tornato al fondo della classe, in attesa di un trasferimento che sembra non arrivare mai.


Link ufficiale: gazzetta.it