Inter, Ranocchia come esempio di leadership e professionalit


Andrea Ranocchia, 31 anni, difensore dell’Inter. Getty

Andrea Ranocchia, 31 anni, difensore dell’Inter. Getty

Quando sei stato capitano di un gruppo, se lo hai fatto bene e per davvero, lo resti sempre. Anche quando poi l’et avanza, arrivano nuovi campioni e la tua presenza in campo diventa piano piano sempre meno continua, fino ad arrivare a qualche breve parentesi. In quelle parentesi, per, Andrea Ranocchia si sempre fatto trovare pronto perch poi al di l della partita c’ un lavoro quotidiano sempre scrupoloso, da professionista esemplare. In allenamento e nello spogliatoio. E ieri Ranocchia ha raccolto i frutti della sua professionalit, trovando la prima maglia da titolare in Europa in stagione e anche un gol da grande attaccante pi che da vecchio stopper. “I miei compagni mi vogliono bene, credo” ha ribattuto buttando gi una risata. “Io cerco di dimostrare il mio valore in settimana, anche se gioco poco, per il bene della squadra e del club”.

esempio
Parole da capitano, insomma. Da leader. Da giocatore che Spalletti prende sempre come esempio per far capire cosa significa essere parte di un gruppo. Anche per questo non ha avuto paura di affrontare i temi pi caldi dopo la vittoria sul Rapid, come al fatto che non pu essere un caso che l’Inter si sia ritrovata proprio adesso. “Beh, ci siamo stretti e anche stavolta abbiamo dato qualcosa in pi – ha ammesso -. Abbiamo passato il turno e convinto. Siamo contenti, ma il percorso in Europa League ancora lungo. Dobbiamo andare avanti in questa competizione e poi pensare al campionato”. E poi magari anche a riabbracciare Icardi, perch in fondo ” un giocatore dell’Inter, al di l della fascia, e ha fatto tantissimo negli ultimi anni: ci mancherebbe di non riabbracciarlo quando torner”. Parola di capitano in pectore, di uno che sa mettere il gruppo prima di ogni cosa.


 Vincenzo D’Angelo  

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it