Juve, Cristiano ora vuole la Nations League. Dybala punta al riscatto in Coppa America – La Gazzetta dello Sport


Tanti big in nazionale: Ronaldo con Cuadrado vuole alzare una Coppa in casa. Quattro i sudamericani in Brasile. Chiellini guida la truppa azzurra. E Kean si sdoppia…

Ieri sera Cristiano Ronaldo non ha resistito: aveva davanti Paolino Belli, non esattamente Sergio Ramos, ma l’ha passato in velocità neanche fosse in Champions. E invece era solo la Partita del Cuore all’Allianz: il portoghese ha comunque segnato l’ultima rete della stagione, con tanto di esultanza in volteggio e “siuuu” scandito dall’urlo del suo popolo. Adesso lo aspetta la nazionale e non è il solo in casa Juventus: una truppa nutrita vivrà un’estate impegnativa.

Nations e Coppa America

—  

Cristiano e il compagno Cancelo (che giocherà con una mascherina causa intervento al naso) hanno una discreta responsabilità patriottica: vincere la Nations League in casa. La nuova competizione Uefa si tiene infatti nel loro Paese, in Portogallo: il 5 giugno a Oporto affrontano la Svizzera e, in caso di vittoria, in finale affrontano la vincente tra Inghilterra e Olanda. L’impegno di Ronaldo è impegnativo, ma non quanto quello della truppa dei sudamericani juventini: Paulo Dybala, Alex Sandro, Juan Cuadrado e Rodrigo Bentancur si giocano una importantissima Coppa America, in programma in Brasile dal 14 giugno al 7 luglio. Sarà lunga e gravosa anche per chi non arriverà fino alla finale del Maracanã: per questo il quartetto latino avrà a disposizione vacanze extra. Il nuovo tecnico della Juventus potrà abbracciarli presumibilmente solo a fine luglio.

Di azzurro

—  

Non solo gli stranieri, ma pure gli italiani hanno appuntamenti da onorare. Sarà ad esempio il capitano bianconero, Giorgio Chiellini, ad avere la fascia al braccio pure con gli azzurri: nella doppia sfida di qualificazione europea contro Grecia e Bosnia, sarà accompagnato da Bonucci, Bernardeschi, Spinazzola, De Sciglio e Kean. Occhio proprio a quest’ultimo: inizierà con Roberto Mancini, poi andrà alla corte di Gigi Di Biagio per partecipare all’Europeo casalingo dal 16 al 30 giugno. Le qualificazioni dei grandi coinvolgono anche Matuidi e Pjanic (causa squalifica, solo dal secondo match contro gli azzurri dell’11 giugno nel “suo” Allianz Stadium), mentre in Germania si discute ancora della mancata convocazione di Emre Can: il tedesco visto al tramonto della stagione, l’avrebbe di certo meritata.


Link ufficiale: gazzetta.it