Juve, un record tira l’altro, ma che scorie la Champions


Ronaldo festeggia con Matuidi. LaPresse

Ronaldo festeggia con Matuidi. LaPresse

Ventotto punti in 10 giornate: la Juventus ha pareggiato la sua miglior partenza in serie A, ottenuta nel 2012/13. Cristiano Ronaldo ha messo lo zampino in 10 delle ultime 14 reti bianconere in campionato. A Empoli per la prima volta si avuta la sensazione che senza CR7 la Juve avrebbe potuto mancare l’appuntamento coi tre punti, come ha fatto capire anche l’allenatore dell’Empoli Andreazzoli. Per la seconda volta consecutiva, fra il pari col Genoa e il successo del Castellani, la Juventus non ha dato la sensazione di essere di un altro pianeta per le avversarie italiane. E non un caso che tra le due partite ci sia stata l’impresa di Old Trafford, una di quelle per cui tutto il mondo ti ammira ma che ti lasciano scorie a livello fisico e mentale. Lo ha ammesso anche Massimiliano Allegri con sua consueta onesta: “La stanchezza dopo 12 vittorie su 13 normale, oltretutto non avevo cambi a centrocampo e non abbiamo avuto grande brillantezza. Per avevo detto ai ragazzi che questa partita in un modo o nell’altro la dovevamo far nostra. Impensabile essere belli per 38 partite, specie contro avversarie che non ti fanno spazi com accade in Europa”.

SPERANZA CHAMPIONS
Non ci riferiamo solo al primo grande obiettivo della Juve 2018/19. La coppa pi bella del mondo la speranza delle rivali dei bianconeri in campionato. La Signora impegnata fino a maggio in Europa, potrebbe lasciare punti per strada. Anche se poi, come a Empoli, pu bastare il colpo di un grande campione per chiudere la pratica. Inoltre la Juventus ha gi sistemato al 95% il girone di Champions: se dovesse ottenere la qualificazione gi nel prossimo turno allo Stadium col Manchester United avrebbe tre mesi abbondanti per portarsi avanti tra le mura domestiche. Dicembre sar un mese terribile, pieno di scontri diretti. Affrontarlo con gli ottavi gi in tasca dal 7 novembre consentirebbe di prepararli in maniera ideale. E se Allegri dovesse arrivare a marzo gi con un vantaggio importante, potrebbe serenamente permettersi altre partite tipo Empoli. Se poi non ci pensasse il CR7 di turno, un margine rassicurante permetterebbe alla Juve anche di assorbire qualche giornata no. Vincerle tutte impossibile, ma anche nelle giornate meno brillanti, i bianconeri sembrano sempre pi padroni.


Dal nostro inviato  Jacopo Gerna  

© riproduzione riservata




Link ufficiale: gazzetta.it