Kessie show: doppietta e assist. Piatek chiude in calo – La Gazzetta dello Sport


Nel 3-2 alla Spal l’ivoriano decisivo in tutte e tre le reti del Diavolo. L’attaccante polacco non riesce a raggiungere la doppia cifra in rossonero

A Ferrara il Milan piega la Spal 3-2 grazie al gol di Calhanoglu e alla doppietta di Kessie, ma il successo sugli emiliani non basta per centrare l’obiettivo Champions. Ecco i migliori e i peggiori fra i rossoneri.

TOP CALHANOGLU

—  

Non è stata certamente una stagione super, quella di Hakan, spesso additato tra i più deludenti di questo Milan. Eppure, in più di un’occasione ha lasciato il segno nei match da “dentro o fuori”. A Bergamo il suo gol aveva illuso i rossoneri su una possibile fuga Champions, a Firenze aveva tenuto in piedi le speranze rossonere trovando il gol decisivo con la Fiorentina. Nel match conclusivo della stagione, a Ferrara, il turco ha dato subito segnali d’ispirazione, cercando più volte la porta. E trovando la via della rete con un destro precisissimo.

TOP KESSIE

—  

Qualche errore di precisione nei passaggi, qualche dormita nei ripiegamenti difensivi. Però anche la firma indelebile sul match, senza dubbio. È Franck a servire il pallone del vantaggio a Calhanoglu, ed è ancora l’ivoriano a mettersi in proprio con la botta del raddoppio. Quando sembra che la Spal possa completare una rimonta prepotente, arriva l’episodio del rigore che risulterà determinante. Kessie si conferma specialista dei tiri dal dischetto e non dà scampo a Viviano.

FLOP ABATE

—  

Forse ancora un po’ frastornato dal commovente saluto ricevuto a San Siro, Ignazio non sforna esattamente una prestazione scintillante, addormentandosi soprattutto in occasione del momentaneo 2-2. È una piccola macchia in una stagione, la sua ultima in rossonero, nella quale s’è distinto per continuità di rendimento, abnegazione e duttilità.

FLOP PIATEK

—  

Non gli riesce il record di andare in doppia cifra di gol segnati in campionato con due maglie diverse, in rossonero si ferma a 9. Si procura il rigore decisivo, ma per il resto non è protagonista di una gran partita. Ha chiuso la stagione in calo, ma fino all’arrivo della primavera aveva dato tanto.


Link ufficiale: gazzetta.it