Kovac ignora Klopp? Scintille ad Anfield per la stretta di mano… mancata! – Il Posticipo


Nessun gol, ma parecchie polemiche: al fischio finale gli animi dei due allenatori si sono surriscaldati. In Inghilterra certi gesti non passano inosservati… La prossima volta il tecnico del Bayern Monaco sarà più educato con quello del Liverpool?

di Redazione Il Posticipo

(Photo by Jan Kruger – UEFA/UEFA via Getty Images)

Prima di tutto l’educazione: Oltremanica va così. Non ci aveva fatto una bella figura qualche settimana fa Maurizio Sarri, uscito dall’Etihad dopo aver incassato un umiliante 6-0 senza stringere la mano a Pep Guardiola: il catalano però non ne aveva fatto un dramma e si era “accontentato” del suo vice Gianfranco Zola! Ad Anfield non è andata alla stesso modo: rivedere le immagini per credere. Al fischio finale tra Liverpool e Bayern, Nico Kovac si è fatto attendere… e il connazionale Jürgen Klopp non l’ha presa bene!

SCINTILLE FINALI – Ad Anfield sono mancati solo i gol nell’andata degli ottavi di finale di Champions: le occasioni però ci sono state, scintille comprese. Al fischio finale il manager del Liverpool si è precipitato dal suo connazionale per la stringergli la mano… ricevendo picche! Klopp non l’ha presa affatto bene come riportato dal Sun. “Volevo stringere la mano a Niko subito. Lui prima l’ha data ai suoi giocatori. Quando è arrivato, gli ho detto che stavo aspettando… Si è scusato e gli ho detto che non c’era alcun problema. È stato solo un equivoco. Sono rimasto lì come il bue di fronte alla montagna”. Un’espressione che in Germania si usa per trasmettere il proprio sconcerto…

SCUSE KOVAC – Ai microfoni nel post-partita è arrivato anche Kovac, uscito imbattuto col suo Bayern dall’insidiosa trasferta sul campo del Liverpool vice campione d’Europa in carica: “È normale in Inghilterra stringersi la mano dopo il fischio finale. Ma io penso alla mia panchina prima di tutto… Klopp può capirmi. Non volevo essere cattivo, mi sono scusato dopo quel gesto”. Insomma: caso spento sul nascere e testa alla gara dell’Allianz Arena in programma il 13 marzo. Al ritorno in Germania non ci saranno problemi: lì le strette di mano contano un po’ meno rispetto all’Inghilterra… i gol invece conteranno eccome!




Link ufficiale: gazzetta.it