la difesa si scopre fragile


Samir Handanovic, 34 anni, chiude la porta al connazionale Josip Ilicic, 30. Ansa

Samir Handanovic, 34 anni, chiude la porta al connazionale Josip Ilicic, 30. Ansa

Samir Handanovic uno degli uomini-copertina di questo avvio di stagione interista, ma oggi i suoi miracoli non sono bastati. Nel primo tempo contro l’Atalanta lo sloveno, che non subiva gol da 296′, ha vestito i panni del timoniere in grado di controllare la nave col mare in tempesta, ma nella seconda frazione affondato assieme ai suoi. La sua difesa si riscoperta fragile: in stagione mai subiti cos tanti gol in un match. E dal dicembre 2016 non perdeva con tre gol di scarto (allora fu un 3-0 a Napoli).

miracoli inutili
I bergamaschi sono stati arrembanti fin da subito di fronte a un Inter scarica. Considerando l’andamento del primo tempo, se i gol segnati dall’Atalanta fossero stati tre in pi, nessun interista se ne sarebbe lamentato. Infatti, nella prima frazione Handanovic ha blindato la porta, dimostrandosi fenomenale in pi casi: prima una doppia parata, su Zapata e Ilicic, poi un intervento basso sempre sul connazionale e, infine, una bella smanacciata sul destro al volo di Toloi. Poi, per, il crollo: prima e seconda rete subita da palla inattiva, con Mancini e Djimsiti a scalfire la porta dei nerazzurri (oggi in bianco). E, sigillo indelebile, l’euro-gol di Gomez che nel recupero ha trovato l’incrocio dei pali con un destro dal limite, lasciando immobile l’incolpevole Handanovic. L’Inter, che finora aveva avuto una delle migliori difese d’Europa, si riscoperta fragile e vulnerabile dietro. Non aveva mai subito tre reti in stagione e oggi ne ha incassate addirittura quattro. Nell’insufficienza generale, i componenti del reparto arretrato meritano senza dubbio i voti pi bassi.


 Valerio Giordano 

© riproduzione riservata


Link ufficiale: gazzetta.it